Neal Mc Donough si rifiuta di fare sesso, seppur per fiction in un telefilm, e viene licenziato. È accaduto sul set della serie “Scoundrels”, dove l’attore avrebbe dovuto interpretare il marito della bellissima Virginia Madsen.

Le scene incriminate sarebbero quelle in cui l’attore avrebbe dovuto avere un incontro intimo con la compagna nella fiction: si sarebbe trattato di esigenze di copione quindi, non di realtà. Ma qualunque ragione non è stata valida di fronte alla volontà ferrea di Mc Donough, il quale ha affermato che la sua condizione di uomo sposato con figli non gli consente scappatelle, neppure per finta.

Mc Counagh è celebre, oltre che per essere stato interprete della serie “Desperate Housewives“, per il suo cattolicesimo fervente, la cui adesione non gli consente di fare, neppure lavorativamente, cose che vadano contro la propria morale.

Sembra strano e pare che quest’atteggiamento gli stia provocando parecchie critiche, ma Mc Donough non demorde, tanto da essere già stato sostituito da David James Elliott: eppure Mc Donough, nell’atto di accettare la parte, aveva già letto il copione, per cui non si comprende come abbia sulle prime aderito a un ruolo che andasse contro le proprie convinzioni.

Ma il sesso nella fiction, televisiva o cinematografica che sia, è sempre spunto per interessanti aneddoti: si narra, ad esempio, che Susan Sarandon, sul set di “Miriam si sveglia a mezzanotte“, alla richiesta del regista Tony Scott, che le aveva suggerito di ubriacarsi per non pensare alla scabrosa scena lesbo che doveva girare, rispose:

Perché dovrei ubriacarmi? In fondo devo andare a letto con Caterine Deneuve.