Nella dieta dimagrante potrebbe essere necessaria una drastica diminuzione dello zucchero. Inoltre, eliminare lo zucchero bianco dalla propria alimentazione gioverà anche alla propria salute. Seguire una dieta dimagrante potrebbe essere un ottimo pretesto per eliminare lo zucchero dalla propria alimentazione: non solo vi sarà meno apporto calorico, ma sarà possibile prevenire tutte quelle gravi malattie che il consumo eccessivo dello stesso provoca.

Ad esempio, far uso di dolcificanti alternativi può aiutare coloro che sono affetti da diabete: in questo modo i diabetici possono controllare lo zucchero nel proprio sangue senza rinunciare al gusto del dolce nelle proprie ricette. Inoltre, lo zucchero, appena assunto, provoca picchi di euforia ed energia, per poi condurre immediatamente a stanchezza, con la conseguenza che si sente bisogno di ingerirlo in continuazione. Lo zucchero, poi, non essendo dolcificante naturale, può contenere conservanti e coloranti: meglio, quindi, far uso di dolcificanti naturali per migliorare nel complesso la propria alimentazione.

Chi volesse eliminare lo zucchero dalla propria dieta dimagrante solo per diminuire l’apporto calorico non dovrà smetterne l’assunzione di colpo: dovrà diminuirla giorno dopo giorno, fino alla sua completa eliminazione, inserendo nella propria dieta, a poco a poco, il dolcificante naturale. Ma quali sono le alternative per rendere dolci e gustosi i propri piatti? Le possibilità sono numerosissime.

Lo zucchero di canna integrale è l’ideale per dolcificare con moderazione: è il primo zucchero che si estrae dal succo di canna, al quale possono essere aggiunti altri ingredienti, quali papaia, arachidi, arancia. Il miele, contenendo maltosio, saccarosio e fruttosio è un energizzante naturale. Non si può, però, utilizzare per la preparazione di dolci, poiché cotto potrebbe diventare amaro. Il miele, tuttavia, non è adatto ai vegani.

Per la preparazione di dolci, invece, sono ottime le puree di frutta, ideali non solo per le torte, ma anche per le salse. I frutti più indicati sono le fragole, le pere e le pesche, quelli a più alto contenuto di fibre, che rallentano l’assorbimento dello zucchero nel sangue.

Si possono utilizzare, poi, una serie di sciroppi. Ce ne sono per tutti i gusti: lo sciroppo d’acero, che contiene potassio e vitamina B; lo sciroppo di mele, ricco di vitamine, altamente digeribile e ideale nella preparazione di dolci; e gli sciroppi di cereali: quelli di riso e di mais – adatti anche ai celiaci – sono i dolcificanti che meglio possono sostituire il miele, permettendone l’uso anche ai vegani. Riso e mais contengono sodio, potassio, magnesio e amminoacidi e hanno un minore potere dolcificante, per questo possono essere utilizzati quotidianamente. La melassa deriva dalla barbabietola e dallo zucchero di canna: contiene saccarosio, fruttosio, fibre e vitamine B.

Si può passare poi ai succhi: il succo d’uva è ottenuto dalla bollitura e spremitura degli acini, a cui si aggiunge cannella, limone e chiodi di garofano. Il succo d’agave è invece ricco di sali minerali e oligominerali, con un tasso glicemico molto inferiore rispetto allo zucchero bianco.

Infine, al posto dello zucchero, per la realizzazione di torte dolci e, in particolare, salate, possono essere utilizzate varie spezie: cannella, noce moscata, chiodi di garofano o pimento. Non solo lo zucchero verrà eliminato, ma il piatto assumerà un sapore più corposo e più ricco.

Fonte: Fitbie.