Alla New York Fashion Week, ieri è stato il sesto giorno di sfilate: stilisti di caratura mondiale si sono alternati sulle passerelle della Grande Mela per presentare le nuove collezioni realizzate per la prossima stagione autunno-inverno 2012/2013. Ad alternarsi in passerella, le meravigliose creazioni d’alta moda di Oscar del a Renta, Narciso Rodriguez, Michael Kors, Philosophy e Marchesa.

Galleria di immagini: New York Fashion Week, giorno 6

Per Oscar de la Renta, l’inverno è il tripudio delle stampe, di ogni foggia e colore. Con abiti dal gusto piacevolmente sixties, corti al ginocchio e dal punto vita fasciatissimo, gonne a tubino contrapposte a quelle dal taglio ampio, e micro giacche con bordure in pelliccia, la maison porta in passerella alla {#New York Fashion Week} creazioni eleganti, ricche di punti luce in micro cristalli. Dai colori chiari per il giorno si passa alle tonalità scure del blu e del grigio per la notte: abiti lunghi con bustini e gonne impalpabili in tulle; rosa e carta da zucchero fanno la loro comparsa per rallegrare la cupezza invernale, resa ancor più divertente dalle acconciature retro gonfie e vivaci.

Narciso Rodriguez gioca con una ben determinata palette di colori: bianco e nero, rosso e arancione, verde intenso per le sue creazioni. Tagli asimmetrici si ritrovano su abiti e cappotti, questi ultimi ben strutturati da forme decise e accompagnati da guanti in pelle con inserti a contrasto, mentre i pantaloni dal taglio classico scivolano sulle gambe delle modelle per stringersi sulle caviglie. Punto di forza della collezione: le gonne cortissime sul davanti e lunghissime dietro che, spesso, creano addirittura un micro strascico.

Il tartan, in rosso e blu, è uno dei punti di forza della collezione di Michael Kors, stampa di origine scozzese che viene riproposta su cappotti in lana con colli in pelliccia, enormi poncho con frange e addirittura sotto forma di gonne rigorosamente ampie e lunghe. La maglieria è mélange, con accenti di beige e grigio, con alti colli che ben si adattano alle {#scarpe} mary jane dalla suola massiccia in gomma.

Philosophy di {#Alberta Ferretti} porta in passerella una collezione calda ed elegante: strati di flanella e seta sormontati da pvc per resistere alle intemperie invernali senza rinunciare alla ricercatezza. Se il punto vita è messo in risalto, il resto del corpo scivola dolcemente tra i tessuti, senza esserne mai costretto. Gonne e tailleur, tutti dai colori sobri come il bianco, lo champagne e l’azzurro, mostrano tagli lineari ma ricercati, grazie a inserti in organza e abbinamenti con camicie dalla chiusura posteriore e colletti arricchiti da microborchie.

Retrò e sofisticata la linea di Marchesa, maison di Georgina Chapman e Keren Craig che negli ultimi anni si è imposta nel mondo della moda grazie al suo stile amatissimo dalle dive del cinema e della musica. Rouches, ricami e applicazioni in pizzo sono il leit motiv delle creazioni in passerella, tutte rigorosamente nei colori del rosso, dell’oro e dello champagne. Niente tonalità a contrasto, ma solo eleganti tono su tono sono i ricami degli abiti, da quelli corti al ginocchio alle immense creazioni strette in vita e dalle gonne ampie. Per la sera, non mancano neanche gli abiti a sirena, perfetti per ogni red carpet che si rispetti.