Niente paura: Come eravamo, come siamo e le canzoni di Ligabue” è un film documentario di Piergiorgio Gay che esce nei cinema oggi 17 settembre.

Presentato alla Mostra del cinema di Venezia, il film ha riscosso molti pareri favorevoli. Va a ripercorrere, attraverso le canzoni del cantautore emiliano Luciano Ligabue, gli ultimi 30 anni del nostro Paese, mostrando come sia cambiato tramite la ricostruzione dei grandi eventi storici come la strage della stazione di Bologna e l’attentato a Falcone e Borsellino.

Attraverso la testimonianza di personaggi dello spettacolo come l’attore romano Carlo Verdone o il comico Paolo Rossi, personaggi della cultura come la scienziata Margherita Hack, il costituzionalista Stefano Rodotà, lo scrittore Roberto Saviano, gli sportivi come Giovanni Soldini, viene raccontata la storia degli italiani, i loro sogni e le loro aspettative attraverso la lettura della costituzione italiana.

Durante i suoi concerti, infatti, Ligabue proietta i primi 12 articoli della nostra costituzione e si auspica che la gente possa rifletterci sopra. Come dice il comico Paolo Rossi:

Gli italiani non sono più un popolo ma solo un pubblico di tifosi, che si arrabbia, discute ma poi va a dormire.

Infatti, tutto il film documentario gira attorno al fatto che gli italiani, da quando la TV è entrata nelle case, sembrano addormentati perché non partecipano più alla vita politica del proprio Paese, non gli interessa più riconoscere il proprio passato e credere nel futuro. Così il tricolore sventola per i mondiali, ma non durante la settimana lavorativa. La costituzione, che dovrebbe essere la nostra bibbia, in pochi la conoscono e soprattutto pochi la rispettano.

Molti temi importanti poi vengono affrontati come il testamento biologico, la laicità dello stato, il razzismo. Nonostante il film documentario di Gay raggiunga il suo scopo didattico e sociale, risulta riduttivo e in qualche passaggio forzato.

Ligabue è un cantautore nazional popolare, però è emiliano, cioè racconta del vissuto in una regione, qual è l’Emilia Romagna che eccelle per la sanità e i servizi al cittadino. Forse allora sarebbe stato più esauriente collezionare più cantautori di diverse aree geografiche, da nord a sud, per raccontare meglio l’Italia degli ultimi anni.

Niente paura” è un film documentario che dovrebbe essere proiettato nelle scuole per insegnare, attraverso la musica e le parole, e spiegare la nostra costituzione alle nuove generazioni, futuri cittadini di una democrazia. Come conclude Ligabue i suoi concerti:

Buona notte a tutti quelli che vivono in questo Paese ma che non si sentono in affitto, perché questo Paese è di chi lo abita e non di chi lo governa.