Paris Hilton non farà nemmeno un giorno di carcere per il possesso di 0.8 grammi di cocaina. La starlette si è dichiarata colpevole, e l’accordo prevede una multa, un anno di condizionale e 200 ore di servizi sociali.

La 29enne ricchissima Paris Hilton è riuscita a evitare il carcere, nonostante sia stata trovata in possesso di 0.8 grammi di cocaina quando, nemmeno un mesetto fa, era stata fermata insieme al suo compagno per le strade di Las Vegas.

Paris si è dichiarata colpevole, sia per possesso di droga, che per resistenza a pubblico ufficiale, e secondo l’accordo dovrà affrontare un anno di libertà vigilata. Se durante quest’anno verrà di nuovo arrestata dovrà affrontare un anno intero dietro le sbarre.

Nel frattempo la problematica ereditiera dovrà superare un programma di disintossicazione, pagare 2.000 dollari di multa (e considerato che ne aveva 1.300 nella borsetta non sarà di certo un gran problema) e fare 200 ore di servizi sociali.

Vi starete chiedendo il perché dell’accusa di resistenza: è il risultato delle sfacciate bugie tentate da Paris. Non tanto la storia di aver scambiato la cocaina per dei chewing gum, ma per aver insistito dicendo che la borsa non era sua.

La sveglia Paris, però, si è incastrata da sola grazie al più ovvio dei mezzi: Twitter. Un mese prima, infatti, aveva postato una foto della borsa incriminata, una nuova Chanel, con commento:

Adoro la nuova borsetta Chanel che ho comprato oggi.

Che colpo da maestro, Paris.