Infertilità maschile: la scienza sta facendo grandi passi avanti, tanto che un nuovo studio tedesco sembra aver ideato il modo di ricreare in laboratorio il liquido seminale, scoperta in grado di aiutare molte coppe sterili a concepire un figlio senza ricorrere alla fecondazione artificiale.

Per curare l’infertilità maschile, infatti, i ricercatori dell’Università di Muenster, in Germania, hanno portato avanti un metodo innovativo per creare artificialmente lo sperma maschile, secondo una prassi già sperimentata dai colleghi dell’Università Ben Gurion di Beersheeba, in Istraele.

Prelevando alcune cellule germinali estratte dagli organi riproduttivi maschili, gli studiosi sono in grado di realizzare in laboratorio il liquido seminale: la straordinaria scoperta, della quale si è parlato nel numero di novembre dell’Asian Journal of Andrology, rappresenta un nuovo traguardo in materia di infertilità, tuttavia finora è il risultato di una lunga sperimentazione condotta solo su alcune cavie di topo.

I ricercatori sono comunque fiduciosi e sperano di acquisire a breve nuove prove che consentano di applicare questa cura ai tanti uomini che non possono concepire un figlio per vari motivi. Ecco come ha commentato i risultati Mahmoud Huleihel, a capo del team di scienziati che ha condotto la ricerca.

«Alla fine sarà possibile sviluppare con procedure di routine sperma umano estraendo le cellule germinali dai testicoli di un uomo e stimolarle a produrre sperma in laboratorio. Abbiamo già applicato gli stessi metodi utilizzando cellule umane, finora senza successo: tuttavia, siamo fiduciosi nel fatto che se la tecnica funziona con un mammifero come il topo, può farlo anche nell’uomo.»