Sono in tanti i giovani che cercano un lavoro da svolgere nei mesi caldi, magari a contatto con il pubblico e vicino al mare. Se poi, a tutto ciò, si aggiunge anche la possibilità di stare fianco a fianco con attraenti turiste in bikini, anche turni estenuanti di otto ore sotto il sole diventerebbero una passeggiata di salute.

Lo hanno capito bene i newyorchesi, che hanno inserito in uno degli Hotel più lussuosi della città una nuova figura di bagnino tuttofare, specializzato tuttavia nel controllo dell’abbronzatura delle clienti. Si chiama “tanning concierge” e letteralmente sarebbe un assistente della tintarella: il suo compito? Avvisare personalmente o attraverso un SMS le clienti che prendono il sole quando è arrivato il momento di esporre ai raggi solari un’altra zona del corpo, oppure quando è proprio ora di spostarsi all’ombra per evitare fastidiose scottature.

Tutto questo per un compenso pari a circa 15 dollari all’ora. Un incarico apparentemente facile ma di grande responsabilità, se ci pensiamo bene, soprattutto perché parliamo di salute e di protezione dai danni causati dal sole. Il giovane che, al momento, occupa questa posizione presso il James Hotel di Soho si chiama Harrison Anastasio, un aitante diciassettenne che si occupa appunto di garantire alle clienti una tintarella omogenea e sana.

Gli aspetti positivi di questa professione non sono pochi, in primis la possibilità di chiacchierare e conoscere un numero straordinario di belle ragazze (sulle quali non solo può ma deve obbligatoriamente posare lo sguardo) senza correre il rischio di ricevere un due di picche seduta stante.

Segue anche il vantaggio di poter incrementare la rubrica telefonica inserendo il numero di cellulare di molte signore giovani e meno giovani, all’occorrenza da ricontattare in futuro anche per una consulenza privata. Insomma, l’impiego di Anastasio sembra proprio figurare tra i più invidiati di questa estate 2011, e non a torto il Wall Street Journal ha definito la sua professione con queste parole.

“Il miglior lavoro estivo di Nyc”.