È tempo di affrontare colpe e responsabilità per Daniela Ranaldi, l’opinionista del talk show “Uomini e donne” arrestata lunedì scorso per detenzione e spaccio di droga. È previsto per oggi, infatti, il processo per direttissima, dopo che la 55enne “Danielona” era stata rilasciata per assenza di precedenti penali.

Ora, dopo lo stupore arrivano le polemiche dal mondo televisivo. Mentre Maria de Filippi, conduttrice di Uomini e Donne, non ha rilasciato alcuna dichiarazione sulla vicenda che, inevitabilmente, ha scalfito l’integrità dell’immagine del suo programma, parole velenose sono arrivate da tronisti e corteggiatori che, finalmente, hanno potuto vendicarsi di tutte le pungenti critiche che Daniela era solita esprimere.

L’ex corteggiatrice di Federico Mastrostefano, Flavia Sabatino, ha commentato su Facebook:

Hai capito? Questa che per i corridoi di Cinecittà si fa tanto diva sparasentenze…Credo che ora starà un po’ più calmina. Questa è l’ennesima conferma che molte persone prima di aprire la bocca e criticare dovrebbero prima fare un po’ di autocritica!

Non è stato più generoso il tronista Fernando Vitale che, lo scorso anno, aveva deciso di intraprendere la carriera del pornoattore e abbandonare, così, il programma che l’aveva resto famoso:

E poi si sono scandalizzati quando hanno saputo del mio nuovo lavoro. Ho sempre detto che il mondo dell’hard è più pulito del mondo della TV. In 5 anni non puoi capire cosa ho visto. Tra feste, compleanni di vip ecc., non farmi dire troppe cose…

Il tronista Federico D’Aguanno, che proprio dalla romana “Danielona” era stato insultato per avere una love story fuori dallo studio televisivo, ha ferocemente dichiarato:

Ah però! Che bella cosa!!! Cinque ore al giorno a insultare e sparare sentenze ai ragazzi tra i 18 e 35 e la notte a vendergli la cocaina!! È proprio vero, qualcuno LASSU’ esiste!! Prima o poi i nodi vengono al pettine!! VERGOGNA!!

Daniela Ranaldi non avrà il sostegno di U&D quando oggi, davanti al giudice, ascolterà la sentenza a lei destinata per detenzione e spaccio di droga. Restiamo in attesa, dunque, di ulteriori sviluppi della vicenda.