L’olio di oliva è uno degli ingredienti più famosi della dieta mediterranea. Tutti ne conosciamo le proprietà benefiche, come l’alto contenuto di polifenoli e di grassi monoisaturi.

Ma è anche necessario fare attenzione al suo utilizzo in cucina, per non rischiare di abusarne o di utilizzarlo in modo improprio andando così a vanificare tutte  le sue proprietà benefiche.

In primo luogo va ricordato che, anche se i grassi contenuti nell’olio di oliva sono del tipo monoinsaturi, quindi non dannosi per la salute, questo alimento, come tutti i tipi di grassi, contiene 9 calorie per grammo. È quindi consigliabile farne un uso moderato per non rischiare di prendere peso.

Inoltre, l’olio di oliva è un prodotto delicato, ed è soggetto a trasformazioni in base al suo utilizzo. L’oli di oliva va benissimo per condire cibi crudi (insalate, marinate, verdure crude) ma non si dovrebbe mai utilizzare per la cottura dei cibi.

Infatti, l’olio di oliva ha un punto di fumo molto basso e, una volta che questo viene raggiunto, l’olio perde tutte le sue caratteristiche e potrebbe anche sviluppare una particolare sostanza, chiamata acroleina, che è dannosa per il fegato e per la mucosa gastrica.

Fate buon uso di questo prezioso alimento!