Ritorna Oliviero Beha col suo nuovo programma “Brontolo”. Una formula per l’approfondimento televisivo che viene utilizzata per arricchire lo spazio del giovedì di “Cominciamo bene” su Rai Tre. Beha è un giornalista che da decenni si divide tra radio, TV e carta stampata, con un discreto successo.

Si sentiva non poco la mancanza del giornalista in TV, dato che la sua ultima esperienza televisiva da protagonista risale al 1997 per “Attenti a quei tre“, che più volte a settimana faceva parte del palinsesto notturno di Rai Uno e Rai Tre.

“Brontolo” è partito ieri con una puntata interamente dedicata al problema della droga, in particolare l’uso massivo della cocaina, soprattutto alla luce delle dichiarazioni del cantante Morgan, che gli sono valse l’esclusione dal Festival di Sanremo e che continuano a tenere banco per l’opinione pubblica.

Una tematica vicina alla società: ricordiamo che in quell’occasione Morgan venne definito “cattivo maestro“, proprio per la portata delle sue dichiarazioni, che potevano indurre i ragazzi, secondo alcuni, a credere che fosse una cosa giusta fare uso di crack. I dati sull’uso di droga tra i ragazzi, tuttavia, diventano sempre più allarmanti con il passare del tempo, soprattutto a causa dell’abbassamento dell’età per “la prima volta”.

Beha ha spiegato la sua linea editoriale:

Questa trasmissione intende tracciare un quadro dell’Italia di oggi alla luce di quella di ieri, per vedere che se siamo messi così dipende forse dal nostro passato.