Un buon mese di ottobre attende i nati nel segno dell’Acquario, i quali dovranno solamente sopportare piccoli, quasi impercettibili, cali di fortuna. La sfera affettiva è tranquilla e giovale, il lavoro fila liscio come l’olio e la forma fisica risulta essere del tutto accettabile. Per raggiungere le maggiori soddisfazioni, tuttavia, sarò forse necessario un po’ più di impegno del solito e, non ultimo, una viva chiarezza nei propri intenti. Prima di perseguire un obiettivo complicato, perciò, sarà utile vagliare al meglio ogni mossa per non cadere in inutili tranelli.

Amore:

La sfera amorosa dell’ottobre degli Acquario è tranquilla, forse un po’ piatta rispetto a certi impeti di cuore dei nati nel segno. Si avrà voglia di stabilità, di riorganizzare le idee della coppia, di abbandonare alcuni atteggiamenti negativi in favore di un miglior quieto vivere fra i partner. A farne le spese potrebbe essere la frequenza dei rapporti fisici, perché si sarà molto più interessati alla soddisfazione dei bisogni della mente anziché di quelli della carne. Non vi è, però, motivo di preoccuparsi: l’intesa sessuale ritornerà ad altri livelli già dalla fine del mese, prospettando un novembre davvero scoppiettante da questo punto di vista.

Lavoro:

La sfera professionale degli Acquario promette a ottobre una conferma di quanto si è ottenuto nei mesi precedenti. In particolare, un collega potrebbe riconoscerne gli sforzi, oppure un superiore premiarne la fedeltà con un piccolo aumento. Gli astri, tuttavia, suggeriscono ai nati nel segno di non strafare, perché si rischia di generare delle piccole gelosie fra i collaboratori e, non ultimo, di utilizzare in modo poco proficuo delle energie che potrebbero essere indirizzate su progetti ben più consistenti. Importante, inoltre, sarà non pretendere che gli altri siano al proprio servizio: basterà dimostrarsi affabili e l’ambiente lavorativo apparirà, di conseguenza, particolarmente collaborativo.

Salute:

Una buona energia fisica permette agli Acquario di dedicare l’ottobre alla progettazione. Ci si potrà lanciare in qualche compito in più del solito, così come in qualche attività fisica più estrema, senza però mai passare il confine dell’inutile esagerazione. Lo sport sarà molto importante per tenere sotto controllo le tensioni, soprattutto quelle che potrebbero sorgere nella sfera professionale. La palestra, tuttavia, potrebbe risultare decisamente noiosa, quindi è meglio preferire attività ginniche di squadra, come ad esempio uno sport come la pallavolo, perché saranno ottime nel rispondere a un certo bisogno di socialità.