Inutile dire quanto un orto sul balcone sia un’ottima idea per varie ragioni, tra cui il colore e l’allegria che conferisce allo spazio, la praticità (e la soddisfazione) di coltivare quello che si vuole e il mangiare prodotti non trattati con pesticidi e diserbanti: ecco dunque come si crea e come coltivare l’orto sul balcone di casa.

Prima di tutto non intimoritevi, perché crescere un orto su un balcone non è difficile: basta fare le stesse cose che fareste in giardino, a parte il fatto di dover seguire lo stato del terreno e le regole specifiche sui vasi che seguono.

Quasi ogni ortaggio può crescere e prosperare in un orto sul balcone nelle giuste condizioni, tra cui:

  • Pomodori
  • Melanzane
  • Peperoni
  • Cipolle
  • Ravanelli
  • Fagioli

Tutti questi ortaggi possono crescere senza problemi in vaso, così come molte erbe aromatiche. È possibile scegliere qualsiasi tipo di contenitore per la coltivazione di un orto su un balcone: vasi di terracotta, in plastica o decorativi. Assicuratevi però che il vaso scelto offra un buon drenaggio: i fori di scarico sono migliori se posti anche ai lati del vaso, per non creare ristagno di liquidi.

Quando si piantano ortaggi nei vasi in balcone, è necessario assicurarsi di utilizzare dei terreni sintetici, perché sono i più adatti per le piante nei contenitori. I terreni sintetici sono fatti di trucioli di legno, torba, segatura, vermiculite, perlite o qualsiasi altro tipo di supporto sintetico. Dovete riempire il fondo del contenitore con ghiaia di misura grande o con le apposite palline per il drenaggio prima di mettere il terriccio: questo passaggio è fondamentale.

Assicuratevi di non dimenticare di dare l’acqua alle piante una volta posizionate sul balcone, cosa che potrebbe capitare più di quanto si possa immaginare, a causa dei ritmi frenetici della quotidianità in città, così diversi da quelli della natura. L’annaffiatura è necessaria una volta al giorno, ma non di più. Se, per caso, il vostro balcone non ha un tetto, non sarà necessario dare l’acqua nei giorni di pioggia.

Le piantine già nate acquistate nei container per la crescita sono semplici da trapiantare, ma potete pensare anche di piantare direttamente i semi chiusi, come si farebbe per un normale orto a terra: anche in questo caso i semi devono crescere in piccoli contenitori al riparo dalle intemperie e, una volta divenuti piantine, si possono trapiantare sul balcone. Ogni tipo di seme, poi, ha una stagione adatta per la semina e qualche accortezza da seguire stampata sulla bustina con cui è venduto: non ignorate questi consigli se volete ottenere i risultati migliori.

Il vostro balcone vegetale produrrà una grande quantità di verdure fino a quando avrà acqua e luce solare. Abbiate cura, infine, di raccogliere le verdure solo quando sono al loro picco di maturazione: saranno le più saporite che abbiate mai mangiato.