Meryl Streep vince l’Oscar per “The Iron Lady”, biopic sulla lady di Ferro inglese Margareth Thatcher. Non si tratta esattamente di una sorpresa, sono stati in molti a scommettere su questa vittoria: l’interpretazione della Streep è stata davvero grandiosa, anche se si tratta di un’attrice che continua a dividere il pubblico.

Dopo 17 nomination agli Oscar, nella sua carriera, Meryl Streep vince l’ambita statuetta per la terza volta con “The Iron Lady”: le precedenti vittorie erano avvenute nel 1980 per “Kramer contro Kramer” e nel 1983 per “La scelta di Sophie”. Dopo ripetute nomination, la Streep è riuscita a stringere finalmente tra le mani la sua terza statuetta d’oro.

Galleria di immagini: The Iron Lady, foto

Meryl Streep ha commentato scherzando la sua vittoria come migliore attrice protagonista per “The Iron Lady”:

«Quando hanno chiamato il mio nome, ho avuto la sensazione di sentire mezza America dire: oh no, andiamo! Perché lei? Ancora? Ma comunque ho vinto.»

Algida come solo Margareth Thatcher poteva essere, questo ruolo era assolutamente perfetto per la Streep, ormai un’icona della cinematografia statunitense. È però una di quelle attrici che sembrano incarnare appieno un determinato tipo di personaggi: da qui il pubblico diviso da questo premio. Ma in fondo, non è meglio diventare o essere un personaggio, piuttosto che interpretarlo semplicemente, ai fini della riuscita di una pellicola?

Fonte: Hollywoodlife.