Agli Oscar 2013 è stata la notte di Ben Affleck e del suo Argo, mentre il grande sconfitto della cerimonia di premiazione a sorpresa è stato Lincoln. La pellicola di Steven Spielberg ha infatti portato a casa appena 2 premi sulle 12 nomination ricevute. Delusione anche per Re della Terra Selvaggia, il film indie che non è riuscito a vincere nessuna statuetta.

=> Leggi le previsioni della vigilia degli Oscar 2013

Galleria di immagini: Lincoln

Oscar 2013: tra i grandi sconfitti ci sono Lincoln e Re della Terra Selvaggia. La pellicola di Steven Spielberg ha comunque conquistato l’Oscar per la migliore scenografia e soprattutto quello per il migliore attore protagonista, Daniel Day-Lewis, ma non è riuscita a mettere a frutto le altre 10 nomination. In particolare non era attesa la sconfitta di Spielberg tra i migliori registi, eppure la statuetta dorata è finita tra le mani di Ang Lee per Vita di Pi.

A uscire sconfitto dalla serata degli Oscar è inoltre il cinema indipendente americano. Re della Terra Selvaggia, forte di 4 nomination, non ha portato a casa nessun premio, mentre Il Lato Positivo si è dovuto accontentare della vittoria di Jennifer Lawrence come attrice protagonista. Uno dei film indie più apprezzati dell’annata come Moonrise Kingdom ha avuto appena una nomination per la migliore sceneggiatura originale, ma l’Oscar in questa categoria è andato a Quentin Tarantino per Django Unchained.

=> Leggi la recensione di Re della Terra Selvaggia

Tra le attrici, forte delusione per Jessica Chastain, che ha perso la sfida con Jennifer Lawrence; il film di cui è protagonista, Zero Dark Thirty, ha conquistato appena una statuetta. Altro sconfitto degli Oscar 2013 è poi The Master, il controverso film di Paul Thomas Anderson liberamente ispirato a Scientology; per la pellicola 3 nomination e nessun premio vinto.

Fonte: IMDb