A chi non piacerebbe uscire prima dall’ufficio e avere più tempo da dedicare alle attività preferite? Certo, non sempre è possibile, soprattutto se si ha a che fare con scadenze serrate e con un capo che ci sta letteralmente con il fiato sul collo.

Anche in assenza di imprevisti e in un giorno qualsiasi della settimana lavorativa, tuttavia, ci troviamo spesso a perdere tempo, accorgendoci poco prima della tanto attesa ora di andare a casa che non ci siamo liberati delle scartoffie più importanti.

Galleria di immagini: Lavori che rendono felice

Cosa fare? Il modo per ottimizzare il lavoro in ufficio, in realtà, esiste. Basta seguire alcune semplici indicazioni che ci facilitano la giornata evitando le inutili perdite di tempo. Non si tratta di rinunciare alla pausa caffè o alle due chiacchiere da scambiare con il collega, ma di impostare la giornata in modo tale da non sprecare tempo prezioso.

1. Partiamo dalle e-mail. Meglio controllare la posta ogni tanto a scadenze regolari, evitando di usare l’e-mail allert che distrae inevitabilmente soprattutto nel caso in cui il messaggio in arrivo sia da cestinare. Le email da inviare, inoltre, andrebbero selezionate il più possibile, cercando di condensare più informazioni in un unico messaggio.

2. Ogni giorno bisognerebbe fare una lista dei To-Do, vale a dire di tutti gli impegni e le scadenze della giornata, cercando di dare la priorità agli impegni inderogabili e, se è possibile, di non rimandarli nel pomeriggio. Meglio individuare subito le attività o i compiti che è possibile delegare ad altre persone senza indugi, in modo tale da potersi dedicare alle cose indispensabili.

3. Fare in modo che la pausa caffè non duri troppo, evitando di fermarsi ad ascoltare gli ultimi pettegolezzi dei colleghi.

4. Durante la pausa pranzo optare per uno spuntino leggero che non appesantisca troppo e, soprattutto, che impedisca di essere freschi e lucidi nelle prime ore del pomeriggio, solitamente le più difficili da affrontare.

5. Programmare eventuali incontri di lavoro fuori sede nel pomeriggio, magari una o due ore prima la fine dell’orario di lavoro. In questo modo, se l’incontro si dovesse concludere prima del previsto, sarebbe più facile tornare direttamente a casa senza ripassare per l’ufficio.

Forse questi consigli non ci impediranno di fare gli straordinari o di perdere tempo discutendo con il collega invadente, ma probabilmente a fine giornata ci si sentirà più soddisfatti e pronti a ricominciare la mattina dopo.