La Paleo dieta, una tra le più popolari degli ultimi anni per dimagrire e per perdere peso, è conosciuta anche come dieta paleolitica o dieta delle caverne, e si ispira appunto all’alimentazione degli uomini vissuti prima dell’introduzione dell’agricoltura: ma come funziona, quali sono gli alimenti consentiti e vietati e come costruire un menu da esempio?

Una prima idea di una dieta paleolitica è rintracciabile in un libro del 1975 del gastroenterologo Walter Voegtlin, sviluppata poi nel 1985 da Stanley Boyd Eaton e Melvin Konner, mentre si deve a Loren Cordain la pubblicazione del 2002 The Paleo Diet, che ha reso celebre questo regime alimentare in tutto il mondo.

Come funziona la Paleo dieta

Il dimagrimento della Paleo dieta si basa sulla capacità delle proteine di migliorare il metabolismo e sulla riduzione di calorie, zucchero, sale e alimenti trasformati, quattro aspetti in comune con qualsiasi dieta dimagrante in generale. Tuttavia è stato dimostrato come la perdita di peso con questo regime alimentare non sia affatto costante e cessi al massimo dopo 24 mesi, e le controindicazioni siano piuttosto rischiose, dalle carenze nutrizionali come quelle di vitamina D e calcio, che possono compromettere la salute delle ossa, all’aumentato rischio di ingestione di tossine per l’alto consumo di pesce, in aggiunta a effetti collaterali come debolezza, diarrea e mal di testa.

Il consiglio, per chi deve intraprendere una dieta per perdere i chili di troppo, è sempre quello di rivolgersi al proprio medico e poi a un serio specialista, come un dietologo o un nutrizionista, per intraprendere una dieta personalizzata e soprattutto varia e sana. A scopo puramente informativo, vediamo ora cosa mangiare durante la Paleo dieta.

Alimenti consentiti e da evitare

Gli alimenti da evitare durante la Paleo dieta sono:

  • Cereali
  • Legumi
  • Latte e latticini
  • Zucchero raffinato
  • Patate
  • Bevande e cibi lavorati
  • Oli vegetali raffinati
  • Sale

Gli alimenti consentiti durante la dieta paleolitica:

  • Carne
  • Pesce
  • Uova
  • Frutta e verdura fresche
  • Noci, frutta secca e semi (arachidi escluse)
  • Oli vegetali non raffinati (olio extravergine di oliva, di macadamia, di avocado, di cocco, di noci, di semi di lino)

Paleo dieta: esempio di menu

Ecco un esempio di menu quotidiano su cui basare un regime settimanale, variando i pasti in base ai cibi consentiti.

  • Colazione. Integratore di Omega 3 o uova strapazzate con olio extravergine d’oliva e prezzemolo tritato + un pompelmo o un altro frutto fresco di stagione, tè alle erbe.
  • Spuntino a metà mattina. Un frutto di stagione o 3 fette di affettato di manzo magro.
  • Pranzo. Un’insalata con pollo cotto alla piastra o al vapore condita con olio e limone e un tè alle erbe.
  • Spuntino a metà pomeriggio. Una mela o una manciata di noci.
  • Cena. Insalata di pomodori e avocato + petto di tacchino senza pelle grigliato + contorno di verdure come broccoli, carote e carciofi + una tazza di frutti di bosco, mandorle e uva passa + un bicchiere di acqua frizzante o vino bianco.

Leggi anche: Dieta senza pane e pasta, un esempio di menu