Il corpo umano, si sa, è una macchina perfetta, ma a volte anche capricciosa.

E così capita che alcune di noi abbiano vissuto la frustrante esperienza di passare ore e ore fra le umide mura di una palestra per poi non godere nemmeno di uno dei mille benefici promessi da medici e sostenitori del vivere sano.

Come se non bastasse, spesso e volentieri ci siamo sentite dire che era colpa nostra, che sbagliavamo gli esercizi o che avevamo poca costanza… ma ora, compagne di sfiga, finalmente la verità è venuta a galla: se la palestra non funziona è tutta colpa dei geni “fitness flop“.

A giungere a questa conclusione, per molte di noi liberatoria, è stata una ricerca scientifica internazionale portata a termine da un’equipe dell’Università di Londra.

In realtà, gli sfortunati possessori di questo malefico “DNA pigro” sono all’incirca il 20% della popolazione, 20% che, non solo non riesce a godere dei benefici di un adeguata attività fisica a livello estetico, ma non registra nemmeno miglioramenti sul fronte della salute.

Lo studio ha infatti dimostrato che, nel caso in cui si rientri in questo famoso 20&, a non trarre benefici dallo sport non è solo la linea ma anche il cuore, che non godrebbe della protezione da pericolosi acciacchi di solito assicurata da un esercizio fisico regolare.

Come è noto, infatti, i medici sono soliti consigliare ai pazienti di praticare sport per poter così aumentare il consumo di ossigeno nel sangue, in modo da preservare il cuore, e soprattutto per aumentare la quantità d’insulina, utile a scongiurare il pericolo diabete. Ebbene, la presenza di questo misterioso gene fa si che, nonostante l’esercizio fisico, entrambi gli aumenti risultino modesti o, in alcuni casi addirittura nulli.

James Timmons, che ha condotto lo studio in questione, ha infatti dichiarato:

“Sappiamo che un consumo basso di ossigeno è un forte fattore di rischio per alcune malattie e per il pericolo di morte prematura, per cui gli addetti ai lavori tendono a raccomandare, o meglio a prescrivere, l’esercizio aerobico per aumentare la capacità di consumo.La nostra speranza è giungere a fare tale prescrizione solo a chi può tarrre davvero benefici dall’attività fisica, indirizzando gli altri ad adottare altre misure per preservare la propria salute”.

Certo, scoprire di avere il malefico gene pigro dopo mesi o anni di ore buttate in palestra dalle quali abbiamo guadagnato solo qualche fungo beccato nella doccia non è il massimo… ma sapete come si dice, no? Meglio tardi che mai.