Una pancia piatta è il sogno di tutte le donne. Eliminare la pancetta e i rotolini che ci perseguitano non è semplice ma ottenere risultati non è impossibile. La prima regola da seguire è avere uno stile di vita regolare, mangiare cibi salutari e fare attività fisica.

Per ottenere un addome piatto bisogna eliminare o ridurre la ritenzione idrica. La tendenza a trattenere liquidi nell’organismo è un disturbo molto comune tra le donne e può essere causato da diversi fattori: alimentazione squilibrata, assunzione di farmaci e cambiamenti ormonali.

Il primo passo per sgonfiare la pancia deve essere fatto a tavola. Limitare il consumo degli zuccheri è essenziale per frenare la fame: più zuccheri mangiamo, infatti, più cresce il desiderio di consumarli. Il risultato sarà un aumento di peso e un addome sporgente. Burro e grassi animali vanno sostituti con l’olio extravergine d’oliva, meglio se a crudo.

Il sale va eliminato: contiene il sodio, un minerale che favorisce la ritenzione dei liquidi. Se però il pensiero di mangiare cibi poco gustosi non ci entusiasma una valida soluzione può essere il sale iposodico che, al posto del sodio, contiene potassio. Rosmarino, timo e maggiorana contribuiscono ad aromatizzare le pietanze e la salsa di soia, usata con parsimonia, dona gusto a piatti.

Avere una pancia piatta, dunque, significa limitare l’apporto di sodio. I cibi in scatola, gli insaccati, i formaggi, le patatine e gli snack vanno evitati e sostituiti con verdura e frutta dalle proprietà diuretiche. Broccoli, spinaci, lenticchie e banane, ad esempio, contengono molto magnesio, il minerale che regola la contrattilità muscolare e riduce la tendenza a gonfiore e crampi.

Bere almeno due litri di acqua al giorno è fondamentale per ottenere un addome piatto. Il vino va consumato con moderazione e i superalcolici, poiché contengono abbondanti quantità di zucchero, vanno assolutamente evitati.

Il potassio è un minerale che stimola la diuresi e, dunque, l’eliminazione dei liquidi in eccesso. Consumare cibi ricchi di questa sostanza come legumi, datteri, mandorle, arachidi, trota e sarde può aiutarci a ridurre i gonfiori addominali. La verdura possiede qualità eccezionali per ottenere un addome piatto. I bioflavonoidi in essa contenuti hanno grande importanza nel rafforzare i vasi sanguigni e, in particolar modo, i capillari riducendo, così, i gonfiori. Via libera a uva, agrumi, mirtilli, prugne, ciliegie, albicocche e papaia, alimenti che contengono grandi quantità di bioflavonoidi.

Infine, per ottenere un addome piatto e tonico è bene ridurre il consumo di carboidrati. I cereali integrali, ricchi di cromo, una sostanza che aiuta l’utilizzo ottimale degli zuccheri a scopo energetico, sono da preferire. Legumi, pesce, yogurt ma anche cipolle, sedano, cetrioli e ananas contengono sostanze dall’effetto diuretico che favoriscono l’eliminazione dei liquidi e, quindi, il gonfiore addominale.

Fonte: Stai bene.