Pancia piatta e palato fresco. Con l’arrivo ormai imminente della bella stagione non c’è niente di meglio. Come fare? In un modo semplice, pratico e alla portata di tutte le tasche: due yogurt al giorno e non se ne parla più, possibilmente naturale e parzialmente scremato. È ideale per gli spuntini, e può diventare un vero e proprio pasto se arricchito con frutta o addirittura verdura.

Questo perché stiamo parlando di un alimento amico della linea: è completo, con il suo bilanciamento perfetto tra carboidrati, grassi e proteine. Queste ultime sono già “predigerite”, nel senso che il nostro organismo si ritroverà a dover assimilare degli aminoacidi essenziali, migliori di quelli del latte. Una maggiore digeribilità che va in tandem con un senso di sazietà concesso dallo yogurt per sua natura, e questo non guasta affatto se si desidera ottenere (o mantenere) una pancia piatta, perché saremo meno tentati di mangiare altro.

I grassi oscillano tra l’1 per cento del prodotto magro al 3,9 di quello intero. Per quanto riguarda gli zuccheri, invece, possiamo dormire sonni assolutamente tranquilli, perché il lattosio contenuto nello yogurt viene per la maggior parte trasformato in acido lattico, favorendo la formazione della flora intestinale e facilitando l’assorbimento di fosforo e calcio. Certamente delle buone notizie sia per le ossa sia per la nostra annosa lotta alla fame fuori pasto.

Eppure di calcio, si sa, se ne trova in abbondanza anche in latte e formaggi, ma in quanto a “risparmio calorico” non c’è proprio paragone: 100 grammi di yogurt intero ne contengono 60, addirittura soltanto 35 se magro. Senza dimenticare che può essere consumato anche da chi soffre di intolleranza al lattosio, evitando così gonfiori addominali e rallentamenti metabolici. La digeribilità è un vero punto di forza di questo derivato dell'”oro bianco”. Se non appesantisce l’intestino e allo stesso tempo contribuisce a sgonfiare la pancia è perché viene assimilato in circa un’ora. Una contro le tre richieste dal latte. Inoltre contiene vitamine PP e del gruppo B, che insieme all’acido pantotenico sono sostanze preziose per l’elasticità dei tessuti.

A tavola gli abbinamenti possono essere tanti. Chi predilige il dolce può unire l’utile al dilettevole consumando lo yogurt insieme alle fragole, una soluzione con evidenti proprietà antiossidanti. Due vasetti andranno benissimo, mescolati insieme a un etto di questo frutto primaverile certamente tra i meno calorici (37 kcal ogni 100 grammi), magari aggiungendo un cucchiaio di muesli e un cucchiaino di miele. Le fragole contengono vitamina C (antinfiammatoria), ed e betacarotene (che aiutano a mantenere tonici i tessuti), calcio (ideale contro la fame), magnesio e potassio (due minerali altamente diuretici).

Lo yogurt si sposa bene anche con il pane nero. Ma una soluzione snellente per la pancia piatta arriva addirittura dai ravanelli. Con uno yogurt naturale non dolcificato possiamo dare vita a dei mini-pasti ipocalorici preziosi per depurare l’organismo. Una ricetta che può addirittura sostituire il pranzo: bastano due vasetti con qualche goccia di salsa di soia, un battuto di prezzemolo (antiossidante), un cucchiaino di semi di sesamo (ottimo contro la stipsi) e sette o otto ravanelli freschi a fettine. I benefici? Migliorerà la nostra attività diuretica, stimoleremo il lavoro del fegato e agevoleremo la digestione.