Abbiamo già parlato della vaccinazione contro l’HPV (Papilloma virus) e di quanto sia importante per le ragazze per la prevenzione del tumore al collo dell’utero.

Fino ad oggi è sempre stato indicato per le donne dai 12 ai 26 anni, ma, secondo quanto è emerso da una nuova ricerca effettuata negli Stati Uniti, il vaccino quadrivalente contro l’HPV è efficace nel proteggere anche le donne adulte.

Come riporta AGI Salute, in 4 anni di studi è stato dimostrato che il vaccino anti HPV Gardasil previene addirittura il 95,7% delle infezioni delle lesioni cervicali precancerose e di quelle dei genitali esterni nelle donne fino ai 45 anni d’età.

Si tratta di una misura preventiva e non curativa, ma fatto sta che tali risultati possono aiutare molte, molte donne.

Pare che Gardasil sia generalmente ben tollerato da tutti e che possa provocare a volte degli effetti collaterali, quali febbre, rossore, sudore e dolore nel luogo dell’iniezione. Ma senza dubbio si tratta di effetti decisamente sopportabili se si pensa a cosa la vaccinazione va a prevenire.

Come consigliato per le ragazze dunque, anche per le donne adulte rimane importante continuare a sostenere le visite di controllo previste annualmente e a sottoporsi periodicamente a pap-test e screening.