Protagonisti del sesto giorno della Fashion Week parigina sono stati alcuni dei più noti designer del momento, come Antonio Marras, Riccardo Tisci e naturalmente John Galliano, che ha portato in passerella la sua linea personale.

Dopo l’esclusione dalla maison Dior, Galliano ha presentato la sua collezione per la prossima stagione fredda come brand indipendente, seppure la sfilata abbia avuto come spettatori solo compratori e giornalisti.

Galleria di immagini: Parigi Fashion Week - sesto giorno

Permane un gusto retrò che ha sempre caratterizzato lo stile del maestro, il quale ha conosce la sapiente arte di coniugare il passato con le tendenze contemporanee. Ecco quindi gonne fino al ginocchio, cappellini sulle ventitré, giacche corte con collo di pelliccia e cappottini avvolgenti. Gli abiti da sera sono all’insegna della sensualità, impreziositi da applicazioni e cristalli.

Per Kenzo il noto Antonio Marras ha realizzato una collezione dedicata alle grandi donne del passato, come lui stesso ammette. Una linea molto romantica nella quale spiccano tonalità calde come il verde scuro, il blu, il rosso sanguigno e il nero.

“Stavolta ho immaginato una festa messicana con i colori delle luminarie e la musica che invita a ballare e mi sono ispirato a tre donne: Georgia O’Keeffe, Tina Modotti e Frida Kahlo, tutte e tre a loro modo rivoluzionarie, e a ognuna di loro ho dedicato un pezzo del mio defilè per il prossimo inverno”.

Riccardo Tisci, per Givenchy, riporta in auge motivi animaleschi e fantasiosi, come puma, pantere, orchidee primitive, che decorano bluse e gonne dal taglio dritto. La palette è incentrata sul nero, viola e verde.

Céline punta sulle linee rigorose, sobrie, creando abiti dalle forme rigide e pulite. Unico vezzo è il motivo della venatura del legno che compare su alcuni tessuti. Sembra che la linea disegnata da Phoebe Philo sia ispirata agli interni dell’auto, una trovata assolutamente originale.

Hermés, infine, ha realizzato una collezione variegata, che va dalle tuniche monocromo fino alle mise eseguite in pelle scamosciata. Prevalgono tonalità terrose, usate sia sulle giacche e poncho sia sugli abiti.