Durante il terzo giorno della Paris Fashion Week, la settimana della moda francese più attesa da stilisti e addetti ai lavori, hanno sfilato sotto i riflettori le creazioni che detteranno i trend della prossima estate. Carven, Manish Arora, Balmain, Rick Owen, Nina Ricci e Yohji Yamamoto sono alcuni dei fashion designer presentati durante la giornata.

Galleria di immagini: Paris Fashion Week: terzo giorno

Carven porta in passerella abiti per tutti i gusti e dalle particolarità differenti. Si vedono abiti monospalla, tubini, abiti con gonne voluminose con oblò che mostrano la pelle nuda; altre volte sono gli inserti di pizzo che donano un tocco di originalità agli abiti in passerella. Presentati anche shorts dalla vita alta abbinati a giacche e mantelle oversize, portate al di sopra di camice e maglie classiche con scollo a cuore. Per quanto riguarda i colori, si parla di un vero e proprio mix dalla palette molto ampia, così come i tessuti utilizzati, partendo dai classici toni fino a raggiungere colori fluo tipici dell’estate.

Scintillante è l’aggettivo più idoneo per descrivere la collezione dello stilista indiano Manish Arora, che apre la sua passerella facendo sfilare l’attrice spagnola Rossy De Palma. Le creazioni hanno un tocco decisamente futuristico, grazie al tessuto utilizzato in abbondanza: un argento cangiante con stampe astratte. Da abiti fluidi si passa a vere e proprie gabbie rigide, alcune addirittura con tanto di uccellini attaccati sulle spalle e sul busto. Sul finale si passa poi invece a fantasie caleidoscopiche, prima di presentare sugli abiti giovani festanti in bianco e nero.

Prima sfilata ufficiale per il nuovo designer della maison Balmain, Olivier Rousteing, che presenta una collezione che rimanda ai bagliori di Las Vegas mischiati con uno stile texano. L’oro è l’elemento fondamentale all’interno della linea, onnipresente su giacche, abiti, gonne e pantaloni. Le gonne sono lunghe, maxi e profilate da bottoni che permettono di scegliere l’ampiezza dello spacco mentre i mini dress sono altamente femminili ed estremamente sexy, con delle forme morbide che seguono ogni linea del corpo e decorati con fantasie astratte a 24 carati. Accessori must della collezione sono le cinture alte con maxi fibbia e braccialetti rigidi al polso.

Rick Owen propone per la {#Paris Fashion Week} una collezione che ricorda volutamente la linea maschile per la stessa stagione. Non ci sono scollature, spacchi, gonne corte o mini-dress, le braccia sono le uniche parti del corpo che vengono lasciate in libertà oltre al viso. Le protagoniste assolute della linea sono le tuniche di cotone, nei colori bianco o nero. Unico dettaglio a dare movimento è quello delle maniche a palloncino, insieme a giacche corte sulle gonne, che creano un piacevole gioco di lunghezze.

Nina Ricci porta in scena abiti estremamente sofisticati nonché femminili, dove l’attenzione per i dettagli è stata messa al primo posto. Si parte con gonne in cotone lavorato e pelle abbinate a reggiseni della stessa tonalità, poco prima di lasciare spazio a mini abiti in seta goffrata con decori brillanti e papillon, con micro fantasie floreali che riportano alla mente atmosfere del passato. Si chiude con gli abiti da gran serata, dalle forme morbide e veli trasparenti che fluttuano nell’aria lasciando in vista le gambe.

Stravaganti invece le creazioni di Yohji Yamamoto, che apre il defilé con un abito blu impreziosito da un ampio strascico e da un elegantissimo maxi cappello nero. Basta poco per essere trasportati in un tripudio di tessuti, drappeggiati con maestria sullo scheletro di stoffa adagiato sul corpo delle modelle. Gli abiti sono larghi, immensi risaltando ampiamente sui corpi esili delle ragazze dal trucco basato su toni decisi e aggressivi, come il {#rossetto} viola, e con pettinature vistose e bizzarre.

Fonte: Grazia