Che Paris Hilton possedesse una carica erotica non indifferente era un fatto consolidato. Per tutti, a quanto pare, tranne che per il Ministero delle Pari Opportunità brasiliano, che si è ritrovato a censurare lo spot di una nuova marca di birra, che vede protagonista la bella ereditiera.

Nello spot, la Hilton prendeva una lattina dal frigorifero, inscenando un sexy balletto davanti alla finestra di un alto palazzo, “spiata” da una folla immensa per strada e da un fotografo un po’ voyeur, che non disdegnava di ritrarne le movenze. Tra spume di birra e gambe chilometriche, il Ministero ha detto no alla trasmissione.

Se vogliamo vederla dal lato artistico, si tratta di una campagna ben studiata, che strizza l’occhio a molte citazioni, tra le quali spiccano i film “La finestra sul cortile” di Alfred Hitchcook e “Kika – Un corpo in prestito” dello spagnolo Pedro Almodovar. Quest’ultimo, in particolare, parlava del voyeurismo televisivo, fenomeno sul quale la campagna pubblicitaria voleva evidentemente insistere.

Eppure la Hilton nello spot, che vediamo qui sotto, non si mostra nuda, ma copertissima da un miniabito nero, un po’ più casto del suo solito abbigliamento. Ma la voce del Ministero è stata perentoria:

Non è questione di nudità, ma di sensualità eccessiva.