Nuovi problemi giudiziari per Paris Hilton. Questa volta però a mettere nei guai la giovane ereditiera sarebbero stati alcuni gioielli ricevuti in prestito nel 2007 da Damiani, uno dei marchi più importanti nel settore dei preziosi, e mai restituiti.

Di un valore superiore ai 60 mila dollari, i gioielli sarebbero poi stati rubati dalla banda nota come Hollywood Bling Ring che, nel 2008, ha svaligiato l’abitazione di Los Angeles della Hilton trafugando con essi anche abiti e altri beni stimati complessivamente 2 milioni di dollari.

Galleria di immagini: Paris Hilton festeggia 30 anni in stile burlesque

Grazie al lavoro svolto dalla polizia, l’anno successivo Paris era però riuscita a recuperare tutta la refurtiva tra cui anche i preziosi in prestito. Questo è quanto è emerso dall’accusa della compagnia assicurativa di Damiani, la Allianz Global, che secondo quanto dichiarato nel documento avrebbe più volte fatto richiesta di restituzione alla Hilton senza alcun successo.

Ovviamente è subito arrivata la smentita da parte dell’avvocato di Paris Hilton che ha spiegato a E! News, il notiziario del canale satellitare E!, la reale situazione della propria assistita.

“Abbiamo ricevuto solo adesso la denuncia ma è chiaro come non sia basata sui fatti. In più, nessun rappresentante della Hilton ha mai detto alla compagnia di assicurazione che i gioielli Damiani rubati erano stati ritrovati. Non ci risulta che alcun prezioso del marchio sia stato ritrovato dalla polizia.”