Parto col folle” è un road movie divertente diretto da Todd Phillips, regista del campione d’incassi “Una notte da leoni”. Il film, che uscirà al cinema il 28 gennaio, vede protagonisti Robert Downey Jr. e Zach Galifianakis.

Peter Highman (Robert Downey Jr) è un noto architetto che deve rientrare a Los Angeles per assistere alla nascita del suo primogenito.

A causa di un incontro-scontro all’aeroporto con un eclettico aspirante attore, Ethan Tremblay (Zach Galifianakis), Peter prima viene inserito nelle liste “no fly” e poi, senza soldi ne documenti, deve condividere il viaggio proprio con Tremblay. Tra equivoci e incidenti di percorso, Peter ed Ethan riusciranno a imparare ognuno qualcosa dall’altro.

Come i più tradizionali buddy movie, il regista Phillips costruisce una storia divertente con due personaggi in perfetta antitesi: l’architetto maturo, rigoroso e sicuro di sé, e l’aspirante artista, immaturo e goffo.

Galleria di immagini: Robert Downey Jr. e Zach Galifianakis

Il film, che s’ispira chiaramente a “Biglietto in due” di John Hughes con gli indimenticabili Steve Martin e John Candy, risente però di una sceneggiatura debole e zoppicante. Lo sviluppo narrativo, infatti, riesce a mantenere un buon ritmo grazie unicamente alla bravura degli attori protagonisti.

Si alternano molte gag divertenti, anche se probabilmente si tratta di una comicità molto particolare. Infatti, la gag in oggetto, come il cane che imita il padrone nell’atto di autoerotismo o l’adulto che picchia selvaggiamente il bambino per farlo stare tranquillo, possono essere esilaranti solo per il pubblico americano, molto meno per quello italiano.

Infatti, il film risulta pieno di gag volgari e spesso scontate. Lo stesso personaggio interpretato da Zack Galifianikis diviene, nella traduzione italiana, un’omosessuale isterico, nonostante nella versione originale non ci siano alcuni rimandi sessisti. Infine, il film si arricchisce della partecipazione di alcune guest star presenti con piccoli e insignificanti camei, come Juliette Lewis, Jamie Foxx e Michelle Monaghan.

Il regista Todd Phillips con questa pellicola si conferma essere un regista “di genere”, anche se in questo caso non è riuscito a bissare la comicità ed il successo di “Una notte da leoni”.