Molte donne sperano in un parto naturale, ma a volte questa aspettativa viene frustrata: può accadere che le cose non vadano come previsto. Infatti il 5-10% dei neonati nasce con il parto vaginale operativo e spesso la mamma non è preparata a questo tipo di intervento esterno: esistono diversi modi di far venire alla luce un bambino, dall’induzione del travaglio all’episiotimia, dalla ventosa al forcipe.

Il ginecologo potrebbe consigliare di indurre il parto o di accelerarlo nel caso il travaglio abbia avuto inizio, ma si sia fermato o abbia rallentato o ancora se si presentano le contrazioni, ma la cervice uterina non si è aperta.

I metodi usati per maturare la cervice e indurre il travaglio sono prostaglandine, ossitocina, Catetere di Foley, scollamento manuale delle membrane, rottura delle membrane. Le prostaglandine (acidi ciclopentanoici derivati dall’acido arachidonico) vengono somministrati alla partoriente sotto forma di gel, flebo o compresse vaginali; inventato negli anni Trenta da un medico statunitense di origine tedesca, il Catetere di Foley ha proprio la funzione di stimolare il rilascio di prostaglandine; chiamata anche amnioressi, la rottura delle membrane consiste nella rottura della sacca amniotica da parte dell’ostetrica con un piccolo strumento di plastica uncinato. L’ossitocina è un ormone secreto dalla neuroipofisi, la cui azione principale è quella di stimolare le contrazioni della muscolatura liscia dell’utero. Nell’ultimo periodo della gravidanza la responsività dell’utero all’ossitocina aumenta notevolmente e l’ormone esercita un ruolo importante nell’inizio e nel mantenimento del travaglio e del parto. Inoltre l’ossitocina stimola le cellule dei dotti lattiferi delle mammelle, provocando la fuoriuscita di latte in risposta allo stimolo della poppata.

Le donne che subiscono una induzione del parto spesso riferiscono di provare più dolore: questo succede perché il travaglio viene accelerato e il corpo non riesce a produrre tempestivamente una quantità sufficiente di endorfine durante il travaglio.

Galleria di immagini: Accessori Estate Bambini: ecco come ripararli da sole, vento e insetti

photo credit: retoricaca via photopin cc