Pasqua 2018 è alle porte ed è il momento di pensare a cosa fare, in coppia, in famiglia o con gli amici: le proposte non mancano nelle grandi città come Roma, Milano, Torino, Firenze e Napoli. Qui potrà divertirsi sia chi non non vuole spostarsi di casa per le vacanze pasquali sia chi le ha scelte come mete di un piccolo viaggio di primavera.

Le città d’arte con i musei, le passeggiate in centro, le tradizioni e gli eventi sono la perfetta alternativa per chi preferisce lo sfondo urbano per la propria Pasqua rispetto a una delle tante Spa che propongono il relax lontano da tutto e da tutti.

Vi state chiedendo cosa fare a Roma, Milano, Torino, Firenze e Napoli durante la Pasqua 2018? Ve lo diciamo noi!

Leggi anche: 5 parchi per il picnic di Pasquetta

Pasqua 2018, cosa fare a Roma

  • Pasqua al Parco Egeria. Il parco propone una scampagnata lunga tre giorni tra enogastronomia, divertimento, relax, all’aria aperta nel cuore di Roma. A condire le giornate giochi, animazione e area bimbi a cura di Ullallà e sei ristoratori per un menù ricco di tradizione, prodotti tipici, piatti nostrani e alimenti biologici e stagionali. Sabato 31 marzo, domenica 1 e lunedì 2 aprile, via dell’Almone, 105 (Parco della Caffarella).
  • Un brunch da Pasqua con lo chef Oliver Glowig. Ormai quasi una vera e propria tradizione romana, il gustoso brunch pasquale dello chef Oliver Glowig. Tra piatti caldi da ordinare à la carte e il buffet, si spazia dai classici pancakes alla torta rustica, gnocchi alla romana, seppie e piselli e frittata di carciofi. Domenica 1° aprile dalle 12 alle 16, Mercato Centrale Roma, via Giovanni Giolitti, 36 (Stazione Roma Termini).
  • Giardino di Ninfa. Perché aspettare la Pasquetta per la gita fuori porta se anche domenica 1° aprile è possibile godere dell’apertura del Giardino di Ninfa? Monumento Naturale dalla Regione Lazio dal 2000, è un giardino storico di fama internazionale, il cui habitat unico è formato dal fiume Ninfa, lo specchio lacustre da esso formato e le aree circostanti che costituiscono la naturale cornice protettiva dell’intero complesso, in cui è compreso anche il Parco Naturale Pantanello. Prenotazione obbligatoria su giardinodininfa.eu. Via Provinciale Ninfina, 68 Cisterna di Latina.

Pasqua 2018, cosa fare a Milano

  • Frida. Oltre il mito. Questa mostra celebra Frida Kahlo (1907-1954) con tutte le opere provenienti dal Museo Dolores Olmedo di Città del Messico e dalla Jacques and Natasha Gelman Collection, le due più importanti e ampie collezioni dell’artista messicana al mondo, e con la partecipazione di autorevoli musei internazionali che prestano alcuni dei capolavori mai visti nel nostro Paese. MUDEC Museo delle Culture, via Tortona, 56, dalle 9.30 alle 19.30.
  • Pranzo di Pasqua all’Armani/Bamboo Bar. Che c’è di meglio che un pranzo pasquale con vista sullo skyline della città, degustando il menu creato per l’occasione dall’executive chef? Nel piatto: Uovo 65° (spuma di asparagi, asparagi crudi, crumble alla liquirizia); riso (piselli, guanciale, aceto rosso di Volpaia, stracciatella di burrata); agnello (lombetto, cous cous, zafferano, carciofi, olive taggiasche, menta); cioccolato (morbido ai 3 cioccolati, sorbetto al lampone). Armani/Bamboo Bar, via A. Manzoni, 31, 75 euro a persona, bevande escluse.

Pasqua 2018, cosa fare a Torino

  • Museo Egizio. Non chiude per Pasqua uno dei gioielli di Torino, il Museo Egizio, dedicato esclusivamente all’arte e alla cultura dell’Egitto antico e costituito da un insieme di collezioni che si sono sovrapposte nel tempo, alle quali si devono aggiungere i ritrovamenti effettuati a seguito degli scavi condotti in Egitto dalla Missione Archeologica Italiana tra il 1900 e il 1935. Via Accademia delle Scienze, 6, dalle 9 alle 21.
  • International Tango Torino Festival. Non solo uova di cioccolata e musei: approfittate della Pasqua per curiosare nel programma dell’International Tango Torino Festival 2018. L’evento trasforma la città dal 29 marzo al 2 aprile in una grande milonga con esibizioni dei migliori professionisti e la possibilità di cimentarsi nel ballo più sensuale del mondo. Domenica 1° aprile in programma: ore 18 Milonga Pomeridiana con Dj Alfredo Petruzzelli, 6 euro (Location NH Tech, via Nizza 230); ore 23 Gran Fiesta de Pasqua, esibizione di Javier Rodriguez y Fatima Vitale, Leandro Oliver y Laila Rezk, musica dal vivo dell’Orchestra Tango en Vivo (Russia), Dj SuperSabino, 20 euro (Location 8 Gallery Lingotto via Nizza 262).

Pasqua 2018, cosa fare a Firenze

  • Lo Scoppio del Carro. La domenica di Pasqua è l’occasione per assistere allo Scoppio del Carro, tradizione a metà strada tra il sacro e il profano che si ripete ormai dal 1622. Il Carro a forma di torre è trainato da buoi ornati con ghirlande per le strade di Firenze, fino a piazza del Duomo, tra il battistero e la cattedrale. Inizia poi la messa, e più o meno alle 11, quando all’interno della chiesa si canta il Gloria, l’arcivescovo accende con il fuoco sacro un razzo a forma di colomba, la Colombina, che “vola” lungo un filo per colpire il Carro nella piazza, dando vita allo scoppio dei fuochi d’artificio sul Carro stesso.
  • ARTour-Il bello in piazza. Torna il mercatino itinerante dell’artigianato artistico toscano. Tanti prodotti realizzati da maestri artigiani e giovani designer per uno shopping pasquale alternativo, originale e di qualità. Piazza Strozzi, dal 31 marzo al 2 aprile, dalle 10 alle 20.

Pasqua 2018, cosa fare a Napoli

  • Fiera di Pasqua a San Gregorio Armeno e ai Decumani. C’è tempo fino all’8 aprile 2018 per immergersi nella tradizione grazie all’evento organizzato dall’Associazione Corpo di Napoli. Le botteghe di San Gregorio Armeno propongono un percorso artigianale esponendo le creazioni dedicate alla passione di Cristo, mentre nell’area dei Decumani vi aspetta il meglio dell’enogastronomia tipica napoletana. Street Food Parade Napoli Pasqua Edition. Edizione pasquale per l’evento che porta colori, sapori e profumi del cibo da strada sul lungomare con 40 stand. Dalle 12 a mezzanotte, Lungomare Caracciolo.
  • Io Dalí. La mostra Io Dalí passa in rassegna, attraverso dipinti, disegni, video, fotografie e riviste, il modo in cui il pittore è stato capace di creare il proprio personaggio, rendendo opera d’arte ogni suo gesto; indagando e rivelando l’altra vita dell’artista catalano, quella meno conosciuta, fondamentale per comprendere la sua incredibile personalità, il suo immaginario. PAN|Palazzo delle Arti Napoli, via dei Mille, 60, dalle 9.30 alle 19.30.