I dolci pasquali per eccellenza, si sa, sono la colomba e le uova di cioccolata, ma quest’anno forse a causa della crisi e dei pochi soldi che girano, gli acquisti di questi dolci a produzione industriale sono in calo mentre si registra un ritorno alla tradizione e si preparano i dolci tipici regionali fatti in casa.

L’Italia non è certo povera di ricette tradizionali pasquali che differiscono da regione a regione e dal momento che i prezzi delle uova di Pasqua sono aumentati fino al 22 per cento e quelli delle colombe fino all’11,9 per cento rispetto allo scorso anno, secondo i dati forniti dalla Coldiretti, perché non tornare a preparare in casa un buon dolce come facevano le nostre nonne? Il risultato è da una parte il risparmio, dall’altra un gusto più genuino e soprattutto la possibilità di mantenere in vita gli usi e i costumi del nostro paese.

Al primo posto tra i dolci pasquali preferiti dagli italiani c’è la pastiera napoletana, la cui ricetta prevede l’uso di ricotta, germe di grano e buccia d’arancio. A seguire la pizza di Pasqua e la treccia pasquale. Troviamo poi la scarcedda lucana, la torta pasqualina che si prepara in Liguria, la cuzzupa calabra, le titole friulane. Tutti questi dolci sono accomunati da un alimento: l’uovo, che può essere utilizzato per preparare l’impasto oppure sodo.