Primo appuntamento: cosa fare? La domanda giusta in realtà non è questa, ma piuttosto: cosa non fare? Le attese, per definizione, quando sono molto grandi, nascondono un problema non da poco, cioè che possono essere deluse facilmente. Così magari ci si prepara a un nuovo rapporto ma non con la consapevolezza dei peccati mortali che si possono nascondere dietro l’angolo. Eccone alcuni tra i più comuni, se si vuole aver la speranza di trasformare un primo incontro in una relazione di coppia.

Intanto è vietato il sesso. Si tratta di una regola universalmente riconosciuta: mai sesso al primo appuntamento, meglio aspettare di sentirsi a proprio agio per farlo. Questa regola ha comunque dei se: se ci si sente sicure, come quelle persone che dicono di aver amato qualcuno dal primo momento, lo si può fare senza remore, e soprattutto senza il terrore di essere giudicate. Ma raramente una storia che inizia con il sesso finisce con una relazione stabile di coppia, bisogna saperlo. E se il sesso dovesse scappare, meglio non simulare un orgasmo: non è che a tutte venga al primo appuntamento, spesso serve maggiore conoscenza del partner, e poi in fondo non muore nessuno se non lo si raggiunge.

Similmente, non si può pretendere di raccontare all’uomo tutta la storia della propria vita in un appuntamento. È terribilmente fuori luogo e si rischia di annoiarlo: è normale sentirsi nervose e parlare, parlare, parlare, ma se non si vuole incappare nel rischio di dire le cose sbagliate, forse è meglio stare un po’ anche a ascoltare: magari l’uomo della propria vita è lì davanti e ha un sacco di cose interessanti da comunicare su di lui, sui propri interessi, sulla sua di vita.

Inoltre, un uomo, come ogni persona normale, non vuole essere ossessionato con telefonate, messaggini ed email. Dopo un primo appuntamento va anche bene sentirsi nei giorni successivi, ma con riservatezza, con tranquillità, soprattutto se questo ragazzo piace tanto: è sempre valida la regola che in amore vince chi fugge. Vietato anche spiarlo: anche se la tentazione è forte di consultare il suo profilo Facebook ogni secondo, bisogna resistere, non sempre gli uomini hanno delle altre donne nascoste nell’armadio.

Poi bisogna ricordare sempre che quando si conosce un uomo, anche se è difficile vederne i difetti, se questi piace, è un’utopia credere che possa cambiare a nostro piacimento. Ognuno è quello che è, e se qualcosa non va bene, meglio cambiare partner o darsi alla singletudine. Similmemente, è meglio non annullarsi per lui: se è troppo possessivo, se riduce la donna al silenzio, se si ha paura anche a fare un passo, meglio cambiare aria e, come in una sorta di speed date… avanti un altro.

Fonte: Sheknows.