La stagione invernale è ormai arrivata ed assieme a lei anche il grande freddo che oltre ad essere spesso nemico della salute lo è anche della pelle, quante volte capita infatti di sentire il viso indolenzito in seguito ad una passeggiata in pieno inverno? La dermatologa Norma Cameli, del San Gallicano a Roma, svela qualche piccolo segreto di bellezza per difendere la pelle dal gelo.

Quando si parla di pelle sensibile gli accorgimenti da seguire sono molti, specie durante i mesi freddi; niente paura però si tratta comunque di piccoli espedienti che per essere messi in atto non portano via troppo tempo e mirano alla bellezza dell’epidermide.

Il primo consiglio che viene dato dalla dermatologa Cameli è quello di evitare di usare dei maquillage troppo complicati e pieni di ingredienti diversi poichè ostruiscono i pori e sottopongono la pelle a stress, meglio quindi optare per quelli semplici e anche ad azione idratante.

Un’altra azione quotidiana estremamente importante, in particolar modo per le donne, è quella della detersione del viso, specialmente a fine giornate per rimuovere il make-up; per un’ottima detersione invernale la dottoressa consiglia dei prodotti anche ad azione ristrutturante che possono essere a base di latte o di olii e l’utilizzo di saponi con ph fisiologico prossimo al 7 che va diluito prima di essere utilizzato, risciacquando poi il tutto con acqua tiepida e mai bollente e soprattutto senza esporre la pelle a getti d’acqua troppo violenti.

In seguito alla detersione, si passa poi all’immancabile idratazione mediante l’uso di varie creme che devono avere un’azione ristrutturante. Quelle consigliate sono: olio di mandorle, allantoina, aloe vera, glicerina, ossido di zinco, niacinamide, acqua termale ed anche l’acido ialuronico.

Durante i mesi freddi si ha l’abitudine di mettersi vicino a termosifoni, stufe ed altre fonti di calore varie ma non c’è niente di più errato poichè la pelle, non va esposta a cambiamenti di temperatura troppo repentini passando dal gelo del clima invernale al calore degli impianti di riscaldamento. Anche l’alimentazione gioca in questo caso un ruolo importante e il consiglio è quello di evitare alimenti che fungono da vasodilatatori come il caffè o i cibi piccanti.

Fonte: Ansa.it