Il successo della nail art è inconfutabile: dipingersi le unghie, anche in modalità fai-da-te, è un must per ogni donna che voglia prendersi cura del proprio aspetto. D’altra parte, dopo il viso, le mani sono ciò che più ci rappresenta nelle relazioni interpersonali, soprattutto negli ambienti di lavoro.

Dunque se non si vuole o non si può ricorrere all’esperienza dell’estetista, ci si può adoperare da sole per realizzare decorazioni alle unghie, dalle più semplici e classiche alle più particolari e difficili.

Per la nail art fai-da-te non servono soltanto i tutorial e il buon gusto, ma occorre essere dotate anche degli strumenti giusti: soltanto con questi infatti sarà possibile eseguire un buon lavoro e solo conoscendoli e distinguendoli potremo scegliere quelli più adatti. Andiamo dunque a conoscere meglio i pennelli, che ci serviranno per stendere i colori ma soprattutto per eseguire le decorazioni.

La classificazione dei pennelli per la nail art

Per poter realizzare una buona nail art fai-da-te occorre innanzitutto distinguere gli strumenti da utilizzare e in primis qual è la loro classificazione generale. I pennelli per unghie si possono suddividere in tre grandi categorie:

  • i pennelli per nail art
  • i pennelli per la micro pittura (per le più esperte)
  • i pennelli per la ricostruzione col gel.

I pennelli che ci interessano sono ovviamente i primi, quelli per la nail art, da utilizzare con i nostri smalti preferiti. Ne esistono di diversi generi, che è bene distinguere. Occorre anche sapere che lo stesso pennello può venire chiamato in modi differenti; vedremo i termini tecnici e quelli più comuni per distinguerli.

Tipologie di pennelli per la nail art

I pennelli per la nail art, solitamente venduti in kit ma anche singolarmente, sono diversi e ognuno viene utilizzato per scopi differenti. I principali sono:

  • il fan nail brush, o pennello a ventaglio, che serve per applicare glitter o microperle, poichè la sua conformazione permette a tali decorazioni di rimanere attaccate al pennello stesso e di poterle applicare con molta facilità; per utilizzare il pennello a ventaglio, occorre stendere un sottile strato di smalto trasparente, che funga da aggrappante, esclusivamente nella zona che sarà interessata dalle decorazioni tipo glitter; appoggiare poi il pennello a ventaglio sulle decorazioni stesse ed esercitare una leggera pressione per “acchiapparle”; basta infine appoggiare il pennello sull’unghia precedentemente trattata con lo smalto trasparente, per trasferire tutti i glitter o le microperle sull’unghia stessa. In ultimo il pennello a ventaglio permette, grazie alle sue setole morbide, di rimuovere gli eccessi di glitter o di microperle con una “spolverata” (si consiglia di stendere uno strato di top coat per fissare le decorazioni appena applicate con il fan nail brush)
  • lo stripes nail brush, o pennello a punta lunga, serve a tratteggiare linee precise, onde modulabili o tratti ben definiti; si utilizza come un qualunque pennello, intingendolo nello smalto e utilizzandolo poi sull’unghia
  • il medium bent nail brush, o pennello storto, serve per creare decori ovali, di precisione o disegni come petali e foglie; anche questo strumento si utilizza come un qualunque altro pennello, con la differenza che la sua particolare forma facilita la presa perchè permette l’utilizzo senza piegare il polso: il pennello è già piegato per noi
  • lo small pointed nail brush, o pennello a punto, serve per tratteggiare linee sottili o piccoli punti; anche in questo caso l’utilizzo è quello di un pennello ordinario
  • il base nail brush, o semplicemente pennello di base, rientra fra i pennelli piatti di varie dimensioni, che servono per stendere basi o macchie di colore più ampie, come ad esempio il french
  • il nails dotter è invece utilizzato per disegnare varie decorazioni a partire da un punto oppure per applicare strass o perline; ne esistono di diverse grandezze, a seconda della precisione di cui si ha bisogno, e di diverse forme; il dotter si intinge nel colore precedentemente posizionato su carta da forno o stagnola, si poggia con leggerezza sull’unghia per trasferire lo smalto, e con l’altra punta del dotter (se provvisto) si può partire da quel punto per disegnare foglie o fiori in particolare.

Come pulire i pennelli per la nail art

Come per tutti i generi di pennelli, anche quelli per la nail art necessitano di essere puliti accuratamente dopo ogni utilizzo, per poter essere poi riusati la volta successiva senza che le setole si induriscano, si rovinino e diventino inutili.

Se i pennelli vengono usati con colori acrilici, basta immergere i pennelli nell’acqua per pulirli; nel caso di altri smalti invece occorre utilizzare un solvente per unghie, che tuttavia a lungo andare potrebbe rovinare le setole dei pennelli stessi.

photo credit: laurabillings via photopin cc