Tutto ciò che ha un inizio ha una fine, anche le esperienze più belle. Sembra essere arrivata la fine anche per Lino Banfi a “Un medico in famiglia“, fiction per cui si sta preparando la settima serie. Banfi aveva già spiegato che non sarebbe più tornato a interpretare nonno Libero, ma la conferma è arrivata in questi giorni dalle pagine di Repubblica.

Banfi, impegnato dai primi giorni di agosto a Lecce per riportare in auge uno dei suoi personaggi più amati, “Il commissario Zagaria“, nato al cinema e prossimamente in TV, ha smentito nel modo più assoluto un suo eventuale ritorno nella serie.

L’interprete di nonno Libero ha raccontato:

Non lo faccio più. Mi hanno chiesto di fare una sola puntata e non ho accettato: se la rottura ci deve essere è totale, gli auguro che vada bene anche senza di me. […] Il direttore generale della Rai Masi, visto che ora faccio anche il produttore, mi ha chiesto di portargli qualche progetto. Tanto la Rai ha una serie mia con Lino Toffolo da mandare in onda, “Tutti i padri di Maria”, girata in Argentina. Anche ‘sta storia di girare le fiction all’estero… Un giorno il discorso bisognerà pure affrontarlo.

E Banfi inizia a pensare a una nuova fase della sua vita, sempre accanto alla figlia Rosanna, anche lei nel cast de “Il commissario Zagaria”, con la regia di Antonello Grimaldi: la comicità di Banfi ha fatto storia, tanto che al prossimo Festival di Venezia sarà ospitato alla retrospettiva di Marco Giusti, dal titolo “La situazione comica”.