Continua la telenovela che vede protagonisti la Rai e l’ormai ex conduttore di “Annozero” Michele Santoro: si abbandonano i giri di parole e i toni si fanno decisamente accesi. Stavolta a prendere la parola è Mauro Masi direttamente dai microfoni di Radio 2, ospite del programma “Un giorno da pecora” condotto da Claudio Sabelli e Giorgio Lauro.

L’ex Dg della Rai, dopo aver parlato del rapporto con Francesco Cossiga e dei propri difetti, tra i quali la prepotenza e un’accentuata sensibilità al fascino femminile, non eccede in diplomazia quando i due speaker radiofonici gli chiedono con chi preferirebbe andare a cena tra Marco Travaglio e Michele Santoro

Galleria di immagini: Michele Santoro

“Se proprio devo scegliere dico Santoro. Ma è come se ti chiedono: preferisci morire di peste o di colera…”

A questo punto più che di frecciatine si dovrebbe parlare di granate, sia dall’una che dall’altra parte. A tal proposito Masi ricorda come la rottura con Santoro risalga alla famosa puntata del “vaffanbicchiere” di Annozero

“nei miei confronti Santoro ha dato vita a una serie di provocazioni personali inaccettabili”.

Se questi sono i commenti nei confronti di Santoro, dal quale ci aspettiamo una quasi certa replica, possiamo immaginare quale sia l’opinione che Masi ha del povero Travaglio, non ritenuto degno nemmeno di presenziare a una cena con lui.