Nonostante Robert Pattinson non faccia altro che dichiarare di essere molto più che Edward Cullen, e di voler dimostrare di saper andare oltre il suo ruolo di vampiro in “Twilight”, c’è chi dice il contrario. Ed è proprio un collega: Michael Sheen, alias il nemico Aro dei Volturi.

Michael, a Cannes per “Midnight in Paris”, sta rilasciando numerose interviste, e inevitabilmente pala anche di “Breaking Dawn” e dei colleghi di lavoro. Nell’ultima ha parlato proprio di Rob, e ha rilasciato le seguenti affermazioni che di sicuro lasceranno il bell’attore inglese un po’ contrariato:

Galleria di immagini: Robert Pattinson e Kristen Stewart, baci

“Rob è stato molto intelligente nel cercare di distanziarsi e fare molte altre cose diverse. Rob ha cercato di farlo mentre stava girando la saga di “Twilight” ma credo gli ci vorrà parecchio tempo. Credo che sarà sempre Edward per un’intera generazione o forse alcune generazioni di persone e sarà difficile allontanarsi da questo. Ma sembra avere la testa sulle spalle.”

Ma Sheen ha anche parole molto buone per l’ex collega:

“Rob è una delle più grandi star del mondo in questo momento proprio per la saga di “Twilight” e questo può essere una cosa buona o cattiva. È come quando la gente interpretava James Bond e rimaneva così associata a quel personaggio che di sicuro aveva un audience incredibile e c’era gente molto interessata. Ma allo stesso tempo qualcuno può non sceglierti nel cast per altri personaggi.”

Per ora nonostante gli sforzi, non sembra che Rob sia riuscito a togliere la concentrazione dei fan da Edward, ma bisogna dire che la saga deve ancora finire. Forse se ne potrà riparlare fra qualche anno.