L’avevamo già sentito dire che l’amore era tutta una faccenda di chimica, o alchimia più romanticamente, ma non pensavamo che lo fosse letteralmente. Gli esperti dimostrano che a determinati elementi chimici dipendono precise fasi della vostra relazione: dall’innamoramento, al tradimento, al romanticismo, alla fine.

Secondo il Consiglio nazionale dei chimici si può persino stabilire che tipo di partner sei studiando i livelli di testosterone, ossiticina e vasopressina nel sangue:

Galleria di immagini: Sesso con amore

“buone dosi di testosterone indicano che siamo davanti a una forte attrazione e passione travolgenti. La vasopressina indica la via per il compagno fedele. La donna per la vita è invece dotata di alti valori di ossitocina”

Ma andiamo con ordine. Partiamo dal colpo di fulmine: l’attrazione sessuale improvvisa e irrazionale non sarebbe altro che un’esplosione di testosterone per l’uomo e di ferormoni per entrambi, mentre nella fase cosiddetta romantica, quella che segna l’inizio di ogni storia, in cui non ci si vorrebbe separare mai dal proprio compagno, in cui si mettono da parte amici e lavoro per pensare solo al proprio amore, tutto dipenderebbe dalla feniletilamina, ma anche dalla produzione di dopamina e norepinefrina.

E finita la fase dell’innamoramento cosa succede? Lo spiega Armando Zingales, presidente del Consiglio nazionale dei chimici:

“nel rapporto affettivo a lungo termine è ormai assodato l’importante ruolo svolto dalla chimica. Per esempio, nelle donne è l’ossitocina a favorire l’attaccamento al proprio partner, o se si vuole la ‘fedeltà’, mentre nell’uomo è la vasopressina a svolgere un ruolo di sereno appagamento. Possiamo quindi dire che gli uomini con livelli bassi di vasopressina sono più predisposti al tradimento”

Resta da scoprire se siano i sentimenti e le emozioni a scatenare la produzione di elementi chimici o se sia la chimica a creare i moti amorosi. E non è un dubbio da poco. In caso sarebbe interessante, magari proprio per San Valentino, munirsi di attrezzi per le analisi del sangue e capire una volta per tutte chi abbiamo di fronte.