Cambiare lavoro non è qualcosa di auspicabile in tempo di crisi, tuttavia è un’opzione a cui molti pensano seriamente. Il lavoro, infatti, è l’attività che occupa la maggior parte della giornata: se, svolgendolo, si avverte insoddisfazione o voglia di migliorare, allora è il caso di porsi qualche domanda.

Ci si può trovare di fronte a due diverse scelte: o si decide di cambiare lavoro all’interno della stessa carriera oppure si decide di cambiare carriera in modo radicale. Nel primo caso vi è la volontà di migliorare il proprio percorso, nel secondo caso si è insoddisfatti del tipo di attività e se ne vuole intraprendere una completamente nuova.

Pertanto, le motivazioni più comuni alla base del cambio della vita lavorativa sono la volontà di migliorare la propria posizione e, quindi, di guadagnare di più, oppure l’insoddisfazione verso il lavoro che si fa.

Migliorare la carriera implica voler occupare, a mano a mano, posti sempre più alti, sempre più manageriali o dirigenziali. La cosa può non avvenire nel luogo in cui si lavora, magari perché non vi è possibilità di avanzare nella carriera: allora si è costretti a cambiare e a dare vita a una nuova sfida.

Cambiare completamente genere di lavoro, invece, può essere dettato da insoddisfazione. Si è studiato per svolgere un tipo di mestiere, ma poi, per motivi contingenti legati alla sopravvivenza, si è deciso di fare altro, magari la prima cosa utile che si è trovata: in questo caso, il senso di frustrazione può essere molto forte. Cercare di intraprendere la carriera più adatta ai propri studi e al proprio carattere diventa una sfida complessa, ma che deve essere affrontata, se si vuole stare in pace con se stessi.

Tuttavia, talvolta, si è costretti a cambiare carriera anche per motivi diversi: se il lavoro che piace non dà garanzie per il futuro e, soprattutto, consta di posti di lavoro insufficienti, allora è il caso di rivolgersi a un tipo di mestiere che permetta assunzioni più massicce.

A parte questi motivi, di sicuro i più comuni e i più importanti, esistono altre cause che spingono a un cambio di lavoro. ad esempio, trovare un posto libero vicino casa: questa è un’opzione che molte donne vagliano, specie se hanno famiglia e figli. Tuttavia, anche gli uomini non disdegnano la cosa: poter svolgere lo stesso lavoro ma vicino casa ha i suoi indubbi vantaggi, poiché permette di rincasare presto, di riposarsi di più e di poter dedicare più tempo possibile a famiglia e tempo libero – le cose che, più di altre, permettono di rilassarsi e di apprezzare la giornata.

In ogni caso, il cambio di lavoro o carriera è una scelta molto difficile: spesso, chi lo fa cerca di inseguire il proprio sogno o di mettere in pratica progetti personali che poggiano su salde convinzioni.

Fonte: Professional Woman’s