C’è chi pensa che il crescente atteggiamento autoritario delle donne stia portando alla deriva molte relazioni sentimentali, che non sopravvivono alla continua disparità tra i due sessi, con Lei sempre più impegnata a far valere i sui diritti e a sovrastare il partner.

Sette donne su dieci sono convinte che avere l’ultima parola sia fondamentale, e la maggior parte delle volte riescono a spuntarla su mariti e compagni. Questo concetto riguarda qualsiasi forma di discussione, dalle scelte economiche della famiglia a quelle che riguardano i figli, fino al dove andare in vacanza.

Galleria di immagini: Donne autoritarie

Questa teoria è il risultato di un sondaggio che riguarda prevalentemente le donne francesi, condotto dall’istituto Ipsos per conto del sito Aufeminin.com. Il 65% delle esponenti del sesso debole vanta un potere decisionale che spazia in più settori, mentre agli uomini riamane solo la scelta dell’automobile da acquistare.

Tutto ciò che riguarda la spesa, il vestiario per lui e lei, i prodotti per l’igiene personale e anche le medicine è di competenza della donna, che si carica sulle spalle la quasi totalità dei problemi quotidiani che ogni coppia sposata o convivente deve affrontare.

Cosa pensano i maschietti di tutto questo? Il 75% degli intervistati ammette che tra i due sessi esistono alcune disparità innegabili e insormontabili, soprattutto per quanto riguarda la gestione della vita familiare e la crescita dei figli, attività che rimane una prerogativa ancora prevalentemente femminile.

Non ci si è ancora liberati di alcuni stereotipi fortemente radicati anche nella società contemporanea, dove le donne acquistano sempre più diritti, o meglio, lottano per avere le famose pari opportunità anche in campo professionale, ma allo stesso tempo detengono sempre più doveri e pretendono quindi di avere maggiore potere decisionale.

Secondo alcuni esperti di relazioni, questo atteggiamento rappresenta una delle cause principali della crisi che coinvolge i legami contemporanei, la cui durata è minata proprio da questo cambiamento dei ruoli all’interno della coppia, modificandone gli equilibri.