Le mamme che lavorano sono più produttive: infatti, al di là di quello che possono immaginare certi datori di lavoro preoccupati per il rendimento di loro dipendenti dopo la gravidanza, uno studio scientifico dimostra che le donne con famiglia sono più produttive delle loro coetanee senza figli.

Questa è la conclusione di un recente studio condotto dalla Federal Reserve Bank di St. Louis, che ha rivelato come – nell’arco di una carriera trentennale – le madri abbiano superato in efficienza le altre colleghe.

I ricercatori autori dello studio (tutti uomini tra l’altro) hanno scelto di analizzare il lavoro di 10.000 economisti accademici, vista la relativa facilità nel controllare la loro produttività attraverso pubblicazioni e dati precisi, rispetto alla difficile analisi del lavoro svolto per esempio da un medico o da un consulente.

I risultati sono stati sorprendenti. Prima di tutto hanno rilevato che gli uomini padri di un bambino e quelli senza figli hanno eseguito più o meno la stessa mole di lavoro, mentre gli uomini con due o più bambini erano più produttivi di entrambi i gruppi precedenti.

L’essere genitori ha ancora più effetto sul rapporto delle donne con il loro lavoro: gli autori della ricerca hanno scoperto che, entro i primi cinque anni della loro carriera, le donne che non hanno bambini sono meno “performanti” delle mamme.

Le madri tendono ad essere molto produttive, sia prima del parto che quando sono passati i primi, più difficili e impegnativi anni dei figli, quelli in cui bisogna imparare ad organizzarsi e si passa qualche notte insonne di troppo.

Forse è proprio nascosto in questa capacità di organizzarsi, anzi iper-organizzarsi, lo sprint in più delle produttive mamme al lavoro rispetto alle coetanee che non hanno figli.

Avere dei bambini molto piccoli in casa ha un grande impatto”, spiega Christian Zimmerman, uno degli autori dello studio. “Ma questo impatto si riflette poi in maniera inaspettata: è possibile che il tipo di donne che ha più probabilità di avere figli, soprattutto più di un bambino, sia anche quello con maggiori probabilità di successo sul lavoro, in questo caso come economisti accademici”.

In ogni caso, forse la ragione dietro ai risultati della ricerca stavolta non è così importante: le mamme che lavorano portano a casa il titolo di “Più produttive, un titolo da sfoggiare senz’altro con orgoglio da super-mamma.