La piastra per capelli è sicuramente l’arnese più utile per avere una piega degna dei migliori hair stylist. Compagna fedele di ogni donna, la piastra, negli anni ha avuto una vera e propria evoluzione, a tratti straordinaria. I nuovi modelli promettono pieghe lisce, boccolute o ondulate in pochissime mosse, e senza andare a rovinare il capelli.

Ci sono, però, degli errori da non commettere assolutamente quando si usa una piastra. Ecco i cinque più importanti.

  1. Temperatura. Le piastre di ultima generazione tendono a regolare autonomamente la propria temperatura. Se non si possiede una piastra di questo tipo, bisogna fare molta attenzione. Impostare un calore troppo elevato rischierebbe di bruciare la fibra del capello, indebolirla e privarla di sostanza. Al contrario, una temperatura troppo bassa potrebbe vanificare il risultato finale e portarvi a perdere moltissimo tempo dietro la vostra piega. La temperatura ottimale va dai 140 gradi per chi ha i capelli fini e trattati, fino ai 230 gradi per chi ha capelli naturalmente ricci e grossi.
  2. Protezione. Guai a non proteggere i capelli con un filtro o un siero prima di utilizzare la piastra. In commercio esistono dei veri e propri protettori termici che permettono uno styling duraturo senza danneggiare la vostra chioma. L’uso è facile, vi basterà, infatti, distribuire su ogni ciocca una piccola quantità di prodotto e procedere subito dopo all’uso della piastra. L’uso di questi prodotti è fondamentale soprattutto a lungo termine: vi eviterà i fastidiosi danni causati dalla piastra, come doppie punte e perdita di consistenza dei capelli.
  3. Acqua. Sembra un’ovvietà, ma non lo è. Non tutti, infatti, sanno che il buon utilizzo della piastra va fatto a capelli completamente asciutti. I capelli umidi, o addirittura bagnati, a contatto con la superficie rovente della piastra perderebbero immediatamente in consistenza, si spezzerebbero e risulterebbero crespi e poco curati. Assicuratevi quindi, prima di ogni utilizzo, di avere la testa completamente asciutta. Solo allora procedete con la messa in piega.
  4. Movimenti. Per ottenere una piega degna di nota dovrete effettuare movimenti rapidi e decisi. Accanirsi con una ciocca perché non tiene la piega da voi desiderata vi porterà a desquamare i capelli rovinandoli. Per un uso ottimale dovrete procedere con mano ferma, movimenti rapidi e la giusta pressione.
  5. Acciaio. Le piastre di vecchia generazione erano fatte prevalentemente in acciaio. Lo styling risultava sicuramente molto buono ma i danni ai capelli erano molti. Negli ultimi anni queste sono stata sostituite da quelle in ceramica. Queste piastre estraggono egregiamente l’umidità dai capelli senza aggredirli, garantendo una piega fluida e ben definita.