Si dice che per giudicare lo stile di una persona sia fondamentale fare una visita nel suo bagno: questa stanza, effettivamente, non deve essere trascurata e può dare molte soddisfazioni agli amanti dell’interior design.

A dare la prima impronta al bagno sono le piastrelle: se queste sono datate (non dall’aspetto vintage ma solo vecchie, passate di moda) non ci sarà arredamento che riesca a migliorare la stanza; se sono allegre e colorate trasferiranno la caratteristica indipendentemente dagli accessori; se il loro stile è classico, qualsiasi deviazione da esso sembrerà una forzatura stonata.

Chi si trova a restaurare il bagno ha la possibilità di dare il proprio carattere distintivo alla stanza, scegliendo tra diverse proposte che creano altrettanti stili, seguendo più o meno le tendenze del mercato e le mode che si diffondono nel settore dell’arredamento – proprio come in quello del fashion -, avendo cura di preferire prodotti che non risultino superati dopo pochi mesi.

Per chi ama le atmosfere classiche non c’è niente di meglio del marmo. Nessun materiale lo eguaglia in bellezza e raffinatezza, perché è capace di trasformare lo spazio dedicato all’igiene personale e al benessere in un luogo quasi magico. Questo prodotto, però, essendo molto caro non è per tutte le tasche: per fortuna oggi sono disponibili materiali più economici come il gres che riproducono in modo preciso e dettagliato i marmi più pregiati. Le varianti burattate, ispirate ai travertini, sono perfette per uno stile rustico incredibilmente chic, quelle lisce e raffinate per un’eleganza decisa e intramontabile.

Tra le grandi novità del settore negli ultimi anni c’è l’introduzione del nero: è il colore meno scontato per il bagno ma che può garantire risultati d’effetto. Sta bene con tutto perché elegante, specialmente nella versione opaca e leggermente ruvida lontana dal kitsch del lucido. Il nero va, poi, attenuato con elementi di contrasto, come radiatori di design o portaoggetti di colore chiaro. Può essere anche utile ravvivare aggiungendo accessori e biancheria di qualsiasi tinta, diversa da quella neutra, per creare un piacevole stacco.

Una delle soluzioni più deliziose e contemporanee, sebbene proveniente da tecniche antichissime, è il mosaico. Basta qualche piccola piastrella per dare alla sala da bagno un aspetto chic, ricercato e luminoso. Non è necessario inserire ovunque il mosaico: per un effetto più sobrio ci si può limitare al pavimento, a una delle pareti (magari la principale, quella con lo specchio), a degli inserti come una greca a metà parete. Le sfumature dell’azzurro e del verdino sono le classiche, ma c’è anche chi ama i toni forti e sceglie il rosso e il verde smeraldo, o quelli più romantici come il rosa o il lilla. Se il bagno è molto luminoso si può optare per mosaici neri o blu notte o viola scuro, mentre una soluzione sobria e delicata è quella dell’avorio e del beige.

Foto: View of bright bathroom in baroque style – Shutterstock