La Festa del Papà è strettamente legata a una festività religiosa cristiana, quella del papà per eccellenza, anche se putativo, san Giuseppe.

La tradizione italiana di festeggiamenti per san Giuseppe è viva soprattutto al sud, anche se al nord si possono trovare nei bar per pochi euro le zeppole, un dolce tipico, composto da una pastella fritta in olio di palma o al forno (anche se quest’ultima è una variante più moderna), con crema pasticcera; alcune varianti presentano anche un fiocco di crema al cioccolato o altri condimenti alla frutta. È solitamente un dolce pesantuccio, è difficile mangiarne più di uno se sono grandi, due se sono mignon.

Galleria di immagini: Piatti per san Giuseppe

Altri cibi tipici di questa festività sono il pane fatto in casa, al forno a legna se lo avete, altrimenti potete ripiegare sulle macchine casalinghe, ma non scordate le decorazioni. Il costo è più o meno lo stesso che con il pane che si compra dal fornaio, in termini di ingredienti, solo che la soddisfazione del fare il pane in casa è grandissima, soprattutto in queste occasioni di festa.

Secondo le regioni, esistono poi altri cibi tipici come gli asparagi amari, o tavolate con agrumi di tutti i tipi, in particolare in Sicilia, che simboleggiano i dolori che la vita ci riserva. Gli agrumi sono un cibo sano e prevengono alcune malattie con il loro vasto apporto vitaminico, ma vanno gustati in tal senso soprattutto amari, quelli dolci sono l’emblema delle gioie della vita. Sono di stagione, per cui è facile trovarli in un qualunque supermercato.

Parlare di san Giuseppe significa focalizzarsi su delle tradizioni tipiche del Salento e del ragusano: le tavole, che recano sempre e comunque l’effigie del santo e sono ispirate ai principi di solidarietà e ospitalità. Le tavole di san Giuseppe, in antichità, rappresentavano infatti un modo per accogliere e sfamare i poveri nella loro casa.

Il Salento in questi giorni è pieno di iniziative in tal senso: da segnalare le grandi tavolate presso la fondazione no profit “Le Costantine”, dove tutto, soprattutto la preparazione dei cibi, avviene proprio come una volta.