Delle scarpine sbagliate possono far venire dolorose vesciche e danneggiare i piedini.

Le sue prime scarpine dovrebbero avere una morbida tomaia di cuoio, per tenere il piedino fresco e farlo stare comodo; devono essere molto leggere e flessibili: dovresti riuscire a piegarle senza difficoltà. Non mettere mai a tuo figlio scarpine usate, perché potrebbero essere deformate e non calzare bene.

I piedini del tuo bambino crescono in fretta, quindi controlla le sue scarpine ogni sei-otto settimane, per verificare che non siano diventate troppo strette. La scarpina dovrebbe lasciare 1,4 cm di spazio sul davanti, per calzare in maniera ottimale.

Scarpine per tutte le stagioni

Ricordati sempre di acquistare per il tuo bambino calzature appropriate alla temperatura. Cerca di non far sudare troppo il suo piedino anche perché potrebbero comparire fastidiose vesciche.

I calzini giusti

Non bisogna pensare che la salute del piede dipenda solo dalle sue scarpine, perché anche la scelta dei calzini è importante. Non dovrebbero essere mai troppo stretti. Preferisci quelli senza cuciture in fibra naturale, come il cotone, e che aderiscano bene al suo piedino. Se sono troppo larghi, potrebbero provocare dolorose vesciche o duroni; quelli troppo stretti, invece, potrebbero schiacciargli il piede. Lo stesso discorso vale anche per le tutine con i piedini.

Se qualcosa non va

Quasi tutti i bambini hanno i piedini sani, ma a volte possono esserci dei problemi, come il piede equino. Questo disturbo è presente fin dalla nascita ed è caratterizzato dalla flessione del piede verso il basso. Di solito viene perché il piedino del bimbo resta schiacciato mentre è ancora nel grembo materno. Tale disturbo può essere corretto con la fisioterapia: dei massaggi ad hoc risolvono il disturbo in poco tempo e il bambino cammina e corre come tutti gli altri bambini.

Un altro problema abbastanza comune che può essere individuato solo quando il bambino inizia a camminare, è il piede supinato, in cui il piede è lievemente ruotato verso l’interno. Non si tratta di un disturbo grave e di solito si corregge da solo verso l’età scolare. Se sei preoccupata, però, rivolgiti al tuo pediatra.

Termina qui la carrellata di piccole informazioni per la salute di quel piccolo capolavoro che si chiama piedino.