Che piaccia o meno, il piercing all’ombelico è sicuramente un oggetto in grado di impreziosire il ventre con uno dei tanti gioielli che si possono applicare. Si può mostrare con top crop, molto di moda, e in generale in estate quando la pancia resta scoperta. Il piercing richiede però alcuni accorgimenti per essere sempre pulito e per non creare delle infezioni.

Gli accorgimenti devono essere adottati sin dal primo istante in cui il piercing è applicato sull’ombelico. Anzi, gli accorgimenti maggiori devono esserci proprio durante i primi giorni di applicazione, finché non è avvenuta del tutto la cicatrizzazione della ferita.

Piercing appena fatto

Per tenerlo pulito in questa fase, potete eseguire la seguenti operazioni:

  • in un bicchiere di acqua distillata aggiungete un cucchiaio di sale marino non iodato e mescolate fino ad ottenere una soluzione omogenea
  • una volta creata la soluzione, versatene una piccola quantità su un dischetto di cotone (quelli che si utilizzano per struccarsi)
  • tamponate delicatamente il dischetto di cotone imbevuto di soluzione salina sulla ferita e lasciate che agisca per massimo dieci minuti
  • dopo massimo dieci minuti risciacquate con soluzione salina sterile e lasciate asciugare all’aria

Mentre la ferita causata dal piercing sta guarendo, potete utilizzare i tamponi di cotone per rimuovere le croste che andranno a formarsi attorno a essa. Rimuovere le croste vi permette di non farle indurire troppo e di non far lacerare la ferita, quando inavvertitamente muovete il piercing.

In attesa che la ferita si rimargini, potete applicare su di essa dell’olio di lavanda: si tratta di un prodotto assolutamente naturale, che è in grado di favorire la guarigione e di ridurre il gonfiore che potrebbe presentarsi. Bastano un paio di gocce su un fazzolettino, che utilizzerete poi per andare a strofinare delicatamente sul piercing.

Tenere pulito il piercing

Uno dei modi migliori per tenere il vostro piercing sempre pulito è quello di lavarlo con il sapone antibatterico almeno una volta al giorno. Bastano due gocce di sapone sul palmo delle mani e poi occorrerà strofinarci su il piercing per pulirlo perfettamente. Per garantire una pulizia ottimale, dovreste lasciare in posa il sapone per circa un minuto. Una volta trascorso il minuto, risciacquate con cura e non lasciate nessun residuo di sapone su di esso, potrebbe infatti causarvi delle irritazioni.

Il piercing andrebbe pulito ogni volta che si suda ma non dovrebbe mai essere disinfettato con l’alcool perché questo asciuga e secca la pelle, potendo causare così delle irritazioni.

Foto: piercing in the navel – Shutterstock