Pietro Taricone non ce l’ha fatta ed è morto questa notte nel reparto di rianimazione dell’ospedale di Terni, dopo un lungo intervento durato più di nove ore, necessario per tentare di recuperare la situazione dopo il brutto incidente con il paracadute avuto ieri.

Dopo la caduta, il giovane aveva subito un arresto cardiocircolatorio ma era stato soccorso immediatamente sul luogo e in seguito portato d’urgenza in ospedale, dove gli erano state riscontrate numerose fratture, una grave emorragia interna a livello dell’addome e un trauma alla testa.

Taricone è morto per complicazioni e non è mai riuscito a riprendere conoscenza. A soli 35 anni, lascia una figlia di 6 anni e la compagna Kasia Smutniak, che si era lanciata con il paracadute poco dopo di lui.

Divenuto famoso grazie alla partecipazione durante la prima edizione del programma televisivo “Grande Fratello” e soprannominato dagli altri abitanti della casa “o guerriero”, Pietro Taricone era entrato anche nel mondo del cinema con vari progetti, come “Ricordati di me” di Gabriele Muccino, “Maradona la mano de Dios” di Marco Risi, “Radio West” di Alessandro Valori.