Il Pilates, sistema di allenamento sviluppato all’inizio del ‘900, è stato concepito da Joseph Pilates guardando ad antiche discipline orientali come yoga e Do-In. Tenendo bene a mente i sei punti cardine del Pilates, cioè Concentrazione, Controllo, Baricentro, Fluidità, Precisione e Respirazione, è possibile iniziare a praticare il metodo per tenersi in forma, per restare toniche e per sviluppare una consapevolezza maggiore del proprio corpo.

DireDonna ha realizzato un video tutorial in cui, passo dopo passo, vengono spiegati 3 esercizi base del Pilates dai master fitness trainer Marco Giannuzzi e Tania Simonetti, della palestra romana H2o Concept. Il consiglio per restare in forma è quello di unire sempre l’attività fisica a una dieta corretta e a uno stile di vita salutare.

Come eseguire gli esercizi base di Pilates

Gli esercizi di Pilates spiegati nel video tutorial sono a corpo libero, e quindi possono essere eseguiti anche a casa, preceduti dal giusto riscaldamento e seguiti dal necessario stretching.

Siete ora pronti per i vostri esercizi base di Pilates.

  • 1° Esercizio: Good Morning, inchino attraverso un setup particolare. Si parte con i piedi a terra alla larghezza del bacino, perfettamente paralleli (stessa distanza tra i talloni e le punte), le ginocchia leggermente piegate, le braccia lungo i fianchi e i palmi delle mani rivolti in avanti, le spalle lontane dalle orecchie, ombelico tirato dentro e sguardo all’orizzonte. Soffiate e scendete con il busto in avanti mantenendo la schiena dritta, il petto alla stessa distanza dal pube, il mento alla stessa distanza dallo sterno, le spalle sempre lontano dalle orecchie. Dovete, quindi creare uno stretching articolare e non muscolare; alla fine tornate su lentamente e prendete aria. Questo esercizio va ripetuto per 10 volte.
  • 2° Esercizio: Roll Down dalla stazione eretta. Partite con i piedi a terra alla larghezza del bacino perfettamente paralleli (stessa distanza tra i talloni e le punte), le ginocchia leggermente piegate, le braccia lungo i fianchi, le spalle lontane dalle orecchie, ombelico tirato dentro. Fate un bel respiro , come se vi scostaste a mano a mano da un muro immaginari, iniziate a scendere prima con la testa e poi con la schiena in avanti fino a toccare la punta dei piedi, a questo punto vi fermate giù. Recuperate, decidete quanti cicli respiratori volete fare, quando decidete di risalire fate un altro bel respiro e risalite lentamente soffiando. Questo esercizio va ripetuto per 10 volte.
  • 3° Esercizio: Spine Twist dalla stazione eretta. Si parte con piedi a terra alla larghezza del bacino perfettamente paralleli (stessa distanza tra i talloni e le punte), le ginocchia leggermente piegate e le mani alla testa, spalle lontane dalle orecchie e ombelico tirato dentro, i talloni, le ginocchia e le anche ben ferme. Mobilizzate solo le spalle, guardate sempre in avanti, fate un bel respiro ed espirando fate una rotazione con le spalle verso destra, inspirando tornate al centro e ripetete verso il lato sinistro e ritornate al centro. Con la rotazione deve coincidere un allungamento verso l’alto del collo.