Il benessere del corpo è ormai una priorità nella vita di tutte le persone, non solo degli sportivi o di chi frequenta palestre per praticare attività fisica. Molte volte si sente parlare di discipline come Yoga e Pilates: ma in cosa differiscono esattamente?

Lo Yoga, che conta all’attivo numerose tecniche di meditazione, mira al raggiungimento di un relax psicologico oltre al benessere del corpo. Per arrivare a congiungere corpo e anima sono necessari esercizi come il controllo del respiro e le famose posizioni che portano a un benessere interiore.

Galleria di immagini: pilates e yoga

Il metodo Pilates è stato pensato per sviluppare forza e flessibilità del tessuto muscolare. Molto più giovane rispetto alla filosofia Yoga, questo è stato sviluppato agli inizi del 1900 da Joseph Pilates e si basa su alcuni concetti della celebre disciplina orientale.

In generale, il metodo Pilates prevede circa 500 esercizi e attrezzature speciali per poterli eseguire. Tali esercizi possono essere svolti anche all’interno della propria abitazione, basta avere spazio e possedere tutti gli strumenti necessari, a differenza dell’allenamento Yoga che può essere seguito senza attrezzi. Basta infatti avere una stanza ben arieggiata e indossare abiti comodi per muoversi lentamente e abbandonare lo stress accumulato.

È sempre indicata la presenza di un esperto a guidare lo svolgimento degli esercizi, sia per un metodo sia per l’altro, l’importante è la costanza nel seguire i movimenti e evitare di strafare, bisogna infatti fermarsi ogni volta che ci si sente stanchi.

Attraverso il controllo del respiro, il metodo Pilates risulta essere molto efficace nella preparazione atletica degli sportivi ed è accessibile a tutte le persone, indipendentemente dall’età o dal sesso. Come lo Yoga, può essere utilizzato a scopo terapeutico: ad esempio è molto diffuso nella fisioterapia, soprattutto per riabilitazioni alla schiena.

Chi pratica il metodo Pilates riesce a ottenere una buona forma fisica in un lasso di tempo relativamente breve, allenando parti del corpo come gli addominali e lavorando sulla coordinazione e la flessibilità degli arti. I muscoli vengono allungati per alleviare lo stress, senza necessariamente aumentare di molto la massa muscolare.

Mentre con lo Yoga non è possibile bruciare più di 250 calorie circa, il metodo Pilates garantisce il consumo di 375 calorie una volta raggiunto un certo livello di allenamento e di assiduità. Se però l’obiettivo finale è solo il relax, le due discipline si completano a vicenda e potrebbero addirittura essere seguite entrambe.