Per dare un taglio alla vita frenetica e ritagliare un briciolo di tempo da dedicare a se stessi, gli appassionati di attività fisica scelgono spesso di cimentarsi in nuove tecniche ed esercizi come lo Yoga e il metodo Pilates. Tuttavia esiste il Piloga, la disciplina che fonde i due metodi precedenti.

La caratteristica fondamentale del Piloga è quella di unire le tecniche di rilassamento e riduzione dello stress tipiche dello Yoga a quelle posturali relative al metodo Pilates. Inoltre, eredita caratteristiche comune alle due pratiche dell’attività fisica, come la ripetizione degli esercizi al fine di perfezionare postura e rilassare il corpo acquistando calma e concentrazione.

Galleria di immagini: pilates e yoga

I movimenti del Piloga devono essere fluidi e leggeri, soprattutto se servono per passare da una posizione all’altra. È però fondamentale cominciare con un riscaldamento del corpo e preparazione psicologica utilizzando alcune asana apprese nello Yoga.

Subito dopo il riscaldamento, si possono seguire alcune posizioni tipiche del metodo Pilates per rassodare i muscoli addominali e allenare la flessibilità della schiena. Al termine dell’esercizio, si possono ripetere posizioni Yoga al fine di rilassarsi e riprendere fiato. Alternando posizioni Yoga a esercizi Pilates, ci si rilassa e ci si prepara a rassodare e potenziare i propri muscoli in modo efficace.

La durata esatta di una seduta di Piloga è un’ora, suddivisa in tre parti: i primi 15 minuti sono dedicati al riscaldamento Yoga, seguiti da circa 30 minuti di esercizi Pilates e 15 minuti di relax Yoga per concludere l’allenamento.

Come in entrambe le discipline, l’uso di musica come sottofondo all’allenamento può essere molto utile per rendere fluidi i movimenti: l’importante è tenere il volume basso, in modo da non perdere la concentrazione acquisita nei primi 15 minuti di Yoga. La voce dell’istruttore deve sovrastare qualsiasi tipo di musica: i movimenti da seguire devono essere illustrati in modo chiaro, magari utilizzando paragoni in grado da stimolare la mente di coloro che eseguono gli esercizi.

Lo sforzo durante gli esercizi raggiunge un limite fisico e mentale che sembra quasi insuperabile: bisogna calibrarlo in modo attento e senza strafare, per migliorarsi piano piano e oltrepassare i propri limiti. In questo caso, la ripetizione degli esercizi permette di perfezionarsi e raggiungere lo scopo.

Infine, chi esegue esercizi Piloga deve lavorare sulla qualità degli esercizi e non sulla quantità, aiutandosi con il respiro, l’autocontrollo per raggiungere le perfezione dei movimenti.