Le notizie sui possibili co-conduttori di Sanremo sembrano non arrestarsi, forse si inizia ad esagerare. Pare che Antonella Clerici abbia chiamato un conduttore d’eccezione: si tratterebbe di Pippo Baudo, non esattamente alla sua prima esperienza sul palco dell’Ariston.

Il festival viene così inflazionato sempre più di star votate alla conduzione, mentre si allontana l’attenzione da quella che dovrebbe essere la protagonista indiscussa, la canzone italiana. Ma di questi tempi, dato che da anni il festival non registra graditi consensi, si fa di tutto per cercare di sollevare l’audience.

Si era parlato soprattutto di svecchiare il target, ma appare chiaro come ciò non risulti possibile di fronte a un mostro sacro della televisione del calibro di Pippo Baudo. Il presentatore siciliano, insieme con i compianti Mike Bongiorno e Corrado Mantoni, ha rappresentato per molto tempo una delle colonne portanti della TV italiana: senza nulla togliere al suo talento e alla sua esperienza, Baudo non può essere considerato un’icona “acchiappagiovani”.

Questo Sanremo ricorda molto la politica nei mesi precedenti le campagne elettorali: si fanno tanti nomi, ma alla fine le candidature differiscono sempre dai pronostici. In ogni caso, Baudo dovrebbe comparire in una sola serata del festival, quella finale.