Pitti Immagine, la manifestazione ormai giunta all’81ª edizione si conclude oggi. Con i suoi quasi 60000 metri quadri espositivi, la kermesse fiorentina della moda si pone da sempre come importante finestra per gli stilisti di tutto il mondo: crea la possibilità ai nuovi di farsi conoscere e scoprire da buyer e giornalisti, mentre fornisce ai designer collaudati un’importante finestra di paragone e visibilità.

Galleria di immagini: Pitti Immagine

Scenario della manifestazione della {#moda} è stata come sempre Fortezza da Basso a Firenze. I numeri di quest’edizione erano davvero alti: attesi 1073 marchi, di cui 411 (38%) esteri e a cui si sono aggiunte le 74 collezioni donna presenti a Pitti W alla Dogana. Proprio in questo contesto, Gherardini ha presentato attraverso la testimonial d’eccezione {#Maria Grazia Cucinotta}, la borsa Pretiosa ricreata su un antico di segno realizzato da Leonardo da Vinci e disponibile in pochissimi esemplari nella collezione autunno-inverno 2012/2013.

Molti i progetti speciali per quest’edizione: la partecipazione di McQ, contemporary line di Alexander McQueen, la prima collezione di Jimmy Choo presentata in un salone e la presenza dei due grafici di “It’s Graphics Now!”, il duo formato da Andrius Kirvela e Gediminas Šiaulys famosi per il loro interesse verso l’arte tattile e dell’animazione e che hanno scelto la parola “Regain” come  intervento alla manifestazione.

L’evento più atteso tra le {#sfilate} è stato certamente quello di Valentino, per l’autunno-inverno 2012/2013 tenutasi la sera dell’11 gennaio. Maria Grazia Chiuri e PierPaolo Piccioli, designers della maison, si sono sin dall’inizio espressi con favore ed entusiasmo alla possibilità di far conoscere la prima collezione maschile in passerella. Affiliata a questo evento, era l’iniziativa dal nome “Reserve from the runway” promossa dal sito “thecorner.com” che ha dato la possibilità di prenotare i look della sfilata direttamente da internet.

L’intera manifestazione fiorentina si è basata sulle parole del futuro e il graphic design. Il complesso leitmotiv della 81ª edizione di Pitti Immagine prevedeva la traduzione del futuro in segno grafico. L’organizzazione della più importante fiera di moda internazionale chiedeva a 14 designer di talento di scegliere una parola che rappresentasse il futuro, traducendola poi in elaborazioni visive esposte proprio nel piazzale della Fortezza da Basso di Firenze.