Comode e avvolgenti, le poltrone relax possono diventare dei veri e propri porti sicuri a cui tornare ogni sera, dopo una lunga giornata di lavoro, fatta di traffico e di stress, ma anche il luogo ideale dove trascorrere una pigra domenica in compagnia di un buon libro e del proprio gatto. Sul mercato ne esistono svariati modelli, capaci di accontentare preferenze diverse e vari budget.

  • Le poltrone relax più comuni, studiate per ottimizzare il comfort, sono quelle reclinabili, in cui si può regolare il grado di inclinazione. Spesso hanno uno schienale e un poggiapiedi, la cui posizione cambia quando la persona seduta si sporge in avanti o esercita una pressione all’indietro con il suo corpo.
  • Alcune hanno un sistema di massaggio integrato (i modelli con funzione elettriche sono particolarmente costosi), spazi portaoggetti o altre caratteristiche.
  • Prima di scegliere tra le poltrone relax sul mercato va preso bene in considerazione lo spazio occupato dopo che la poltrona sarà completamente reclinata. Bisogna anche testarne la facilità di utilizzo.
  • Trattandosi di un oggetto che andrà a integrarsi con il resto del mobilio, bisogna fare attenzione al colore, alla forma e alle dimensioni che si scelgono, a seconda che si sia alla ricerca di un arredo di grande impatto o se al contrario si preferisce che si fonda con l’arredo circostante.
  • Se si preferisce un pezzo di design, un must rimane la chaise-longue.
  • I modelli per esterni, invece, hanno spesso rivestimenti amovibili, una struttura portante non rivestita e sono realizzati in materiali resistenti alle intemperie, come la plastica e legno. Alcuni modelli sono fondamentalmente delle sedie a sdraio.
  • Altri criteri che devono guidare la scelta? Sono il peso che la poltrona può sopportare e la facilità di manutenzione. Alcuni tessuti possono essere puliti passandoci sopra uno straccio ed i cuscini possono essere amovibili.